Esami comprati e false lauree all'Università di Palermo, tredici condannati fra dipendenti e studenti | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

i giudici danno ragione all'accusa

Esami comprati e false lauree all’Università di Palermo, tredici condannati fra dipendenti e studenti

14 Giugno 2019

“Quegli esami erano fasulli e le lauree erano state comprate”. Lo hanno stabilito i giudici della terza sezione del tribunale di Palermo che hanno condannato 13 dei 15 imputati del processo sugli esami comprati e sulle false lauree dell’Università del capoluogo siciliano. La pena più alta è toccata a Rosalba Volpicelli, impiegata dell’ateneo, che ha avuto 8 anni, mentre il suo collega Ignazio Giulietto ne ha avuti 2 e mezzo.

Condannati anche gli ex studenti Walter Graziani e Alexandra Ntonopolou, che hanno avuto 5 anni ciascuno; Andrea Tomasello, 3 anni e 8 mesi; Giuseppe Gennuso e Nunzio Fiorello, 3 anni a testa; Giuseppe Ciciliato, Paolo Coviello, Carlo Gaglio, Caterina Guddo e Francesca Pizzo (2 ciascuno), Giuseppe Capodici (1 anno e sei mesi). Assolto solo Riccardo Della Vecchia, prescrizione per Ilenia Messina.

Durante la sua requisitoria, il pm Amelia Luise aveva sottolineato come il sistema avesse consentito di caricare le materie sul programma informatico dell’Università, in particolare nelle facoltà di Economia, Architettura e Ingegneria. L’indagine fu condotta dalla sezione pubblica amministrazione della Squadra mobile di Palermo.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.