13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.09

La testimonianza della figlia del giudice assassinato dalla mafia

Esclusiva ilSicilia.it, Fiammetta Borsellino: “Mio padre subì tradimenti a tutti i livelli” | Video intervista

10 Luglio 2018

Guarda in alto la video intervista integrale

Non ci sta Fiammetta Borsellino a far calare un velo di silenzio su quanto i giudici della Corte d’assise di Caltanissetta hanno scritto nelle motivazioni del processo “Borsellino quater” , che ha scoperchiato l’esistenza di uno dei più gravi depistaggi della storia giudiziaria italiana, messo in atto anche mediante la gestione di alcuni finti collaboratori di giustizia, fra cui Vincenzo Scarantino.

A 26 anni dalla strage di via D’Amelio in cui vennero assassinati il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta, la verità su tutto quanto si mosse attorno a quell’eccidio è ancora lontana.

“Tradimenti a tutti i livelli”

Ai nostri microfoni, Fiammetta Borsellino afferma di essersi fatta l’idea che vi siano stati “tradimenti a tutti i livelli”: “Non ho un’idea su chi tradì mio padre […] ma mio padre disse che sarebbe morto quando altri lo avrebbero permesso, altri uomini sicuramente delle istituzioni. Una cosa che posso rilevare è che qui i tradimenti veramente sono stati a tutti i livelli”.

Sul perché di depistaggi e tradimenti, spiega che a suo parere “vi fu un intreccio molto forte fra mafia e istituzioni, un intreccio che passa anche per quelli che erano i forti poteri economici di allora: uno dei pallini di mio padre era il dossier mafia e appalti, che fu prontamente chiuso pochi mesi dopo l’eccidio di via D’Amelio. Per far luce davvero su tutto, ci vorrebbe un grande contributo di onestà da quegli uomini delle istituzioni che sanno“.

La figlia del giudice assassinato dalla mafia il 19 luglio del ’92 ci tiene a leggere un passaggio delle motivazioni del verdetto in cui non si parla di semplici “distrazioni” nella gestione dei collaboratori di giustizia e nella conduzione delle indagini, ma di qualcosa di ben diverso: della “mancanza di cautela e rigore” nel trovare riscontri alle dichiarazioni del finto pentito Scarantino, a seguito delle quali in un primo momento furono condannati all’ergastolo sette innocenti, prima che questa impalcatura fosse successivamente sconfessata.

Finti pentiti “costruiti a tavolino”

“Con queste motivazioni – osserva – sono state rilevate e riportate in maniera puntuale alcune delle pagine più buie del nostro Paese: un falso processo che ha allontanato dalla verità per tutti questi anni, ne sono passati ben 26, e che è stato imbastito su finti pentiti, costruiti a tavolino fra lusinghe e torture“.

Fiammetta Borsellino torna a Parlare anche del ruolo del procuratore capo Tinebra, di Carmelo Petralia e del pm Nino Di Matteo, quest’ultimo a suo tempo incaricato, fra l’altro, di controllare e rileggere le dichiarazioni di Scarantino: “Nonostante tutto, si è arrivati lo stesso a quel processo che si basava su un depistaggio. Vorrei anche capire perché non venne depositato il verbale del confronto tra Scarantino e il pentito Cancemi, in cui quest’ultimo lo sconfessava platealmente, implorando i giudici di non credere ad una sola sua parola. Confronto che, invece, venne depositato solamente diversi anni dopo”.  

La telefonata del Capo dello Stato

Fiammetta rivela a ilSicilia.it di aver ricevuto, a seguito del suo appello, una telefonata dal Capo dello Stato Sergio Mattarella: “Da lui ho avuto parole di conforto ma anche di rassicurazione, rivolte non soltanto a noi familiari, ma a tutti gli Italiani circa la volontà di fare piena luce su tutto: temo comunque che dopo tutti questi anni la possibilità di arrivare a una verità concreta sia compromessa per sempre, ma questo non vuol dire abbandonare il dovere morale di chiederla”.

Scena del crimine inquinata

In merito alle fasi concitate che seguirono la strage, osserva che via D’Amelio fu trattata come una piazza qualsiasi, in cui non fu preservata la cosiddetta “scena del crimine” e che perciò andarono perdute prove importantissime: “Quel giorno il luogo dell’eccidio non è stato preservato e sono state sconfessate le minime regole di tutela dei reperti della strage, tanto che la stessa borsa di mio padre è passata in modo sconsiderato da una mano all’altra”.

Una foto in bianco e nero che parla di futuro

A microfoni spenti, prima di salutarci, Fiammetta ci dice che lei comunque non si fermerà e continuerà con tenacia a chiedere la verità. E mentre lasciamo casa sua, lo sguardo non può non posarsi su una foto in bianco e nero incorniciata e posta sul pianoforte, che ritrae insieme Paolo Borsellino e Giovanni Falcone: sguardi e sorrisi di quella Sicilia vera che ieri come oggi chiede che lo Stato non abdichi mai al dovere, morale ancor prima che giuridico, di sconfiggere il cancro mafioso ed estirparlo per sempre dalla nostra terra.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.