ESCLUSIVO. Concorso 3 nuove linee tram: ecco i 4 progetti selezionati [FOTO] :ilSicilia.it
Palermo

La preselezione del concorso. Prossima tappa il 5 aprile 2018

ESCLUSIVO. Concorso 3 nuove linee tram: ecco i 4 progetti selezionati [FOTO]

di
22 Gennaio 2018

PALERMO. Sono soltanto quattro i concorrenti ammessi al secondo step del concorso di idee bandito dal Comune di Palermo per la progettazione delle 3 nuove linee di tram («fase II, progetto generale e progetto I° stralcio»). Nonostante fossero pervenute a dicembre ben 9 buste e i posti in palio per la prima preselezione fossero 5, alla fine la commissione giudicatrice si è vista costretta a escludere dal concorso più pretendenti del previsto.

La gara – pubblicata anche sul sul portale concorrimi.it – prescriveva una regola ben precisa: le buste dovevano essere tutte in formato rigorosamente anonimo. Criterio questo, che nella fase di apertura buste celebrata lo scorso 7 dicembre, è stato più volte sottolineato dal Comune per garantire correttezza e trasparenza al bando.  I 9 plichi pervenuti contenevano: una relazione illustrativa di 20 pagine, il quadro tecnico economico, il cronoprogramma, 8 rendering illustrativi e infine 4 tavole con le mappe della città (QUI IN BASSO LA FOTOGALLERY).

(Foto D.G.)
Concorso tram
(Foto D.G.)
(Foto D.G.)
(Foto D.G.)
(Foto D.G.)
(Foto D.G.)

I documenti, ad una prima occhiata, non sembravano contenere segni di riconoscimento ma, dopo un attento esame, la commissione guidata dall’Architetto Mario Li Castri ha dovuto bloccare “i distratti” che avevano inserito dei riferimenti riconoscibili che violavano l’anonimato. I plichi sono ora conservati in un armadietto blindato per garantire la segretezza. A ogni busta è stato assegnato un codice numerico.

Ecco i 4 concorrenti selezionati e ammessi al secondo grado d’esame: 8AS57AZT; U3B3EBVT; URRN78L3; 9UE2R57E. «Nemmeno i partecipanti – spiegò a dicembre Li Castri – sanno a quale codice corrisponde la propria busta. Una volta scelte le migliori 5 idee (ormai sono 4, ndr), inseriremo i codici nel portale concorrimi.it e così si saprà chi ha vinto».

Oggi, dunque, la Commissione ha escluso chi violava l’anonimato ed assegnato i punteggi per ciascun criterio. Dai punteggi si è formata una graduatoria i cui codici anonimi sono stati notificati al Rup (responsabile unico del procedimento, ndr).

Ecco come funzionerà adesso. Il portale concorrimi ha assegnato due codici ad ogni progetto: uno noto ai partecipanti ed uno noto alla Commissione. Oggi concorrimi ha messo insieme la comunicazione della Commissione ed i codici ed ha pubblicato l’avviso con i codici noti ai concorrenti. Quindi i 4 selezionati sapranno di essere ammessi perché i codici pubblicati sono quelli che conoscono solo ognuno di loro.

IlSicilia.it rivela in anteprima, e in esclusiva, la data finale per conoscere il vincitore del concorso: appuntamento fissato al 5 aprile 2018, alle ore 11, presso la Chiesa di San Mattia dell’ex Noviziato dei Crociferi, in Via Torremuzza, per la seduta pubblica di ricezione dei progetti di fattibilità tecnica economica.

tram commissione
La commissione giudicatrice

La commissione giudicatrice del concorso è composta: dall’architetto Mario Li Castri (presidente), Renato Lamberti (classe 1943, Direttore del Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti dell’Università di Napoli), Alessandro Solidoro (revisore legale nato a Torino, classe 1961), Agostino Cappelli (ingegnere romano, classe 1949, docente ordinario di Ingegneria dei Trasporti dal 1994 allo IUAV di Venezia). Assente Mario Cucinella (architetto palermitano, classe 1960, esperto in progettazione ambientale e sostenibilità) sostituito dal commissario supplente prof. Stefano Ricci (La Sapienza di Roma). Segretario della commissione di gara il Dott. Intravaia.

Per il sindaco Leoluca Orlando «Il 20 aprile 2018 è la data in cui avremo lo studio validato. Andremo in gara d’appalto entro gennaio 2019». Poi partirà la fase successiva: la progettazione vera e propria (Fase 2).

tram wireless Siviglia

Ecco nel dettaglio le 3 nuove linee del tram:

Tram in via Roma, inaugurazione 1912
Tram in via Roma, inaugurazione 1912
  • Tratta A: sarà il prolungamento della Linea 1 esistente per Km 11,550 (A/R), dalla Stazione Centrale (via Balsamo) a viale Croce Rossa, passando per via Roma, via Emerico Amari e via Libertà. Sarà una linea che attraverserà il Centro Storico, tutta in stile “catenary free”, cioè senza pali né barriere, come avevamo anticipato a gennaio 2017 (LEGGI QUI). I mezzi wireless, puliti e silenziosi, si ricaricheranno col sistema dell’induzione magnetica, grazie ad una batteria ultrapotente e leggera. La tecnologia infatti è semplice da installare: delle speciali placche vengono inserite tra le rotaie, sotto l’asfalto, con magneti della dimensione di un tombino. Gli scavi (e i disagi) quindi saranno meno invasivi.
  • Tratta B: prolungamento della Linea 1 per Km 1,330 (A/R), dalla Stazione Notarbartolo a via Duca della Verdura, passando per via Notarbartolo sino all’angolo con via Libertà.
  • Tratta C: prolungamento della Linea 4 esistente per km 8,180 (A/R), secondo l’attuale schema (singolo binario per ogni carreggiata), lungo viale della Regione Siciliana sino alla Stazione Orleans. In pratica il tracciato, dal ponte di Corso Calatafimi proseguirà sulla Circonvallazione connettendosi a via Ernesto Basile e alla cittadella universitaria.

Secondo le previsioni, il costo massimo delle 3 linee è stimato in 657 milioni di euro, di cui 515 per le sole opere.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.