ESCLUSIVO. Diga di Naro, il retroscena della tragedia raccontato dai familiari :ilSicilia.it
Agrigento

Domani i funerali dei due operai

ESCLUSIVO. Tragedia di Naro, il retroscena raccontato dai familiari

di
10 Ottobre 2017

Gaetano Cammilleri, uno degli operai morti nella diga di Naro, aveva 55 anni e già quattro anni fa era stato segnato da una terribile tragedia. La sua famiglia non è nuova alle morti improvvise e violente. Per un incidente era morto l’amatissimo nipotino di cinque anni. Facendo marcia indietro per uscire la macchina parcheggiata non si accorsero che il piccolo stava giocando proprio dietro la macchina e fu schiacciato. “L’estate scorsa l’ho incontrato per le nozze d’argento di sua sorella, mia zia – racconta la nipote – ed era felicissimo perché la figlia era finalmente di nuovo incinta. Purtroppo non arriverà a godersi la gioia del nipotino“. “Era una persona buona e un gran lavoratore – aggiunge la nipote, che abita a Palermo e lo vedeva di rado – ricordo che lui era sempre a lavorare”.

I funerali dei due operai morti ieri nella cisterna del “sovrappieno” della diga Furore di Naro Francesco Gallo e Gaetano Cammilleri si svolgeranno domani, alle 16, alla chiesa di Sant’Agostino di Naro (Ag). Ad annunciarlo è stato il sindaco di Naro, Lillo Cremona. Sarà presente anche il sindaco di Favara( Ag) Anna Alba. I due amministratori per la giornata di domani hanno proclamato il lutto cittadino. Le salme dei due lavoratori sono state dissequestrate. La Procura, avendo acquisito ormai un quadro chiaro, non ha ritenuto di dover disporre l’autopsia.

Per avere certezza delle cause della morte del sessantunenne e del cinquantacinquenne è bastata, infatti, l’ispezione cadaverica. Nel registro degli indagati sono stati iscritti il dirigente regionale del dipartimento acque e rifiuti, Gaetano Valastro di 52 anni di Catania, e il titolare della ditta che si occupa della manutenzione degli impianti della diga Furore: Francesco Mangione, 53 anni, di Raffadali. A coordinare l’inchiesta è il sostituto procuratore Salvatore Vella. L’indagine, al momento, ruota su un unico fulcro: il montacarichi utilizzato che non era idoneo – stando a quanto è stato accertato da investigatori e inquirenti – a trasportare persone.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.