ESCLUSIVO. Diga di Naro, il retroscena della tragedia raccontato dai familiari :ilSicilia.it
Banner Bibo
Agrigento

Domani i funerali dei due operai

ESCLUSIVO. Tragedia di Naro, il retroscena raccontato dai familiari

di
10 Ottobre 2017

Gaetano Cammilleri, uno degli operai morti nella diga di Naro, aveva 55 anni e già quattro anni fa era stato segnato da una terribile tragedia. La sua famiglia non è nuova alle morti improvvise e violente. Per un incidente era morto l’amatissimo nipotino di cinque anni. Facendo marcia indietro per uscire la macchina parcheggiata non si accorsero che il piccolo stava giocando proprio dietro la macchina e fu schiacciato. “L’estate scorsa l’ho incontrato per le nozze d’argento di sua sorella, mia zia – racconta la nipote – ed era felicissimo perché la figlia era finalmente di nuovo incinta. Purtroppo non arriverà a godersi la gioia del nipotino“. “Era una persona buona e un gran lavoratore – aggiunge la nipote, che abita a Palermo e lo vedeva di rado – ricordo che lui era sempre a lavorare”.

I funerali dei due operai morti ieri nella cisterna del “sovrappieno” della diga Furore di Naro Francesco Gallo e Gaetano Cammilleri si svolgeranno domani, alle 16, alla chiesa di Sant’Agostino di Naro (Ag). Ad annunciarlo è stato il sindaco di Naro, Lillo Cremona. Sarà presente anche il sindaco di Favara( Ag) Anna Alba. I due amministratori per la giornata di domani hanno proclamato il lutto cittadino. Le salme dei due lavoratori sono state dissequestrate. La Procura, avendo acquisito ormai un quadro chiaro, non ha ritenuto di dover disporre l’autopsia.

Per avere certezza delle cause della morte del sessantunenne e del cinquantacinquenne è bastata, infatti, l’ispezione cadaverica. Nel registro degli indagati sono stati iscritti il dirigente regionale del dipartimento acque e rifiuti, Gaetano Valastro di 52 anni di Catania, e il titolare della ditta che si occupa della manutenzione degli impianti della diga Furore: Francesco Mangione, 53 anni, di Raffadali. A coordinare l’inchiesta è il sostituto procuratore Salvatore Vella. L’indagine, al momento, ruota su un unico fulcro: il montacarichi utilizzato che non era idoneo – stando a quanto è stato accertato da investigatori e inquirenti – a trasportare persone.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco