ESCLUSIVO. Speciale Borsellino, Genchi: "In via D'Amelio entità diverse dalla mafia" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

L'ANTEPRIMA DELL'INTERVISTA ALL'AVV. GENCHI

ESCLUSIVO. Speciale Borsellino, Genchi: “In via D’Amelio entità diverse dalla mafia” | VIDEO

di
17 Luglio 2020

 

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Apparati deviati, indagini scandalosamente taroccate, furti di prove e molto altro. A 28 anni dalla strage di Via D’Amelio, ilSicilia.it vi propone una breve anteprima – (l’intervista completa andrà in onda Domenica 19 Luglio 2020) – dello Speciale dedicato alla strage del 19 luglio 1992.

Avv. Gioacchino Genchi
Avv. Gioacchino Genchi

Si tratta di una lunga intervista all’Avvocato Gioacchino Genchi, tra i massimi esperti di intercettazioni telefoniche in Italia, ex poliziotto e perito informatico, con un passato dedicato alle indagini sulle stragi di Capaci e via D’Amelio.

Dopo il grande successo dello Speciale dedicato a Giovanni Falcone (IL VIDEO QUI) si parte con le immagini del post-Capaci, con le varie tappe di quei fatidici 57 giorni che portarono all’uccisione di Paolo Borsellino.

Una ricostruzione necessaria, per far chiarezza dopo anni di processi sbagliati e depistaggi ormai acclarati. Grazie a vari spezzoni tratti da interviste, clip di film-tv, docufiction e telegiornali, abbiamo raccolto le tappe cruciali di quei caldi giorni del 1992, inserendole idealmente e graficamente nell’oggetto simbolo della verità negata: l’agenda rossa di Borsellino.

«Io fui il primo a sostenere l’esistenza dei mandanti occulti», rivela L’avvocato Genchi ai microfoni de ilSicilia.it, aggiungendo dettagli inediti di quelle indagini e dei buchi neri che la contraddistinguono.

Paolo BorsellinoDal ruolo di Arnaldo La Barbera (nome in codice Rutilius con i Servizi segreti), alla pista di Castello Utveggio; dai pm Annamaria Palma e Carmelo Petralia (indagati per il depistaggio dalla procura di Messina, che di recente ha chiesto l’archiviazione) a quello del pentito farlocco Vincenzo Scarantino; dalla scomparsa dei tabulati telefonici di Borsellino all’agenda rossa; dall’ex pm Giuseppe Ayala su cui aleggiano i dubbi di Fiammetta Borsellino (“fu tra i primi ad arrivare in via D’Amelio, contraddittorie le sue numerose versioni sulla borsa contenente l’agenda rossa”), fino alle intercettazioni Mancino-Napolitano.

Insomma vengono analizzati, nel dettaglio, i misteri irrisolti della Strage di via D’Amelio.

 

DOMENICA 19 LUGLIO L’INTERVISTA COMPLETA SU ILSICILIA.IT

 

 

LEGGI ANCHE:

I buchi neri della Strage di via D’Amelio: ecco i misteri irrisolti

ESCLUSIVO. Speciale strage di Capaci, Genchi: “Non fu solo mafia. Gli americani dietro l’attentato” | VIDEO

Speciale strage di Capaci, Genchi: «Dai diari di Falcone cancellato il file “Orlando”» | VIDEO

Fiammetta Borsellino rivolge tredici domande allo Stato: “Tutta la verità sulla strage di via D’Amelio”

L’urlo di Fiammetta Borsellino: “Basta parate il 19 luglio, il Csm apra indagini su Ayala e altri”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin