ESCLUSIVO. Speciale Borsellino, Genchi: "In via D'Amelio entità diverse dalla mafia" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

L'ANTEPRIMA DELL'INTERVISTA ALL'AVV. GENCHI

ESCLUSIVO. Speciale Borsellino, Genchi: “In via D’Amelio entità diverse dalla mafia” | VIDEO

di
17 Luglio 2020

 

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Apparati deviati, indagini scandalosamente taroccate, furti di prove e molto altro. A 28 anni dalla strage di Via D’Amelio, ilSicilia.it vi propone una breve anteprima – (l’intervista completa andrà in onda Domenica 19 Luglio 2020) – dello Speciale dedicato alla strage del 19 luglio 1992.

Avv. Gioacchino Genchi
Avv. Gioacchino Genchi

Si tratta di una lunga intervista all’Avvocato Gioacchino Genchi, tra i massimi esperti di intercettazioni telefoniche in Italia, ex poliziotto e perito informatico, con un passato dedicato alle indagini sulle stragi di Capaci e via D’Amelio.

Dopo il grande successo dello Speciale dedicato a Giovanni Falcone (IL VIDEO QUI) si parte con le immagini del post-Capaci, con le varie tappe di quei fatidici 57 giorni che portarono all’uccisione di Paolo Borsellino.

Una ricostruzione necessaria, per far chiarezza dopo anni di processi sbagliati e depistaggi ormai acclarati. Grazie a vari spezzoni tratti da interviste, clip di film-tv, docufiction e telegiornali, abbiamo raccolto le tappe cruciali di quei caldi giorni del 1992, inserendole idealmente e graficamente nell’oggetto simbolo della verità negata: l’agenda rossa di Borsellino.

«Io fui il primo a sostenere l’esistenza dei mandanti occulti», rivela L’avvocato Genchi ai microfoni de ilSicilia.it, aggiungendo dettagli inediti di quelle indagini e dei buchi neri che la contraddistinguono.

Paolo BorsellinoDal ruolo di Arnaldo La Barbera (nome in codice Rutilius con i Servizi segreti), alla pista di Castello Utveggio; dai pm Annamaria Palma e Carmelo Petralia (indagati per il depistaggio dalla procura di Messina, che di recente ha chiesto l’archiviazione) a quello del pentito farlocco Vincenzo Scarantino; dalla scomparsa dei tabulati telefonici di Borsellino all’agenda rossa; dall’ex pm Giuseppe Ayala su cui aleggiano i dubbi di Fiammetta Borsellino (“fu tra i primi ad arrivare in via D’Amelio, contraddittorie le sue numerose versioni sulla borsa contenente l’agenda rossa”), fino alle intercettazioni Mancino-Napolitano.

Insomma vengono analizzati, nel dettaglio, i misteri irrisolti della Strage di via D’Amelio.

 

DOMENICA 19 LUGLIO L’INTERVISTA COMPLETA SU ILSICILIA.IT

 

 

LEGGI ANCHE:

I buchi neri della Strage di via D’Amelio: ecco i misteri irrisolti

ESCLUSIVO. Speciale strage di Capaci, Genchi: “Non fu solo mafia. Gli americani dietro l’attentato” | VIDEO

Speciale strage di Capaci, Genchi: «Dai diari di Falcone cancellato il file “Orlando”» | VIDEO

Fiammetta Borsellino rivolge tredici domande allo Stato: “Tutta la verità sulla strage di via D’Amelio”

L’urlo di Fiammetta Borsellino: “Basta parate il 19 luglio, il Csm apra indagini su Ayala e altri”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.