Escort, prostitute e non solo: dalla Regione "certificati di sana e robusta costituzione" per i "sex workers" :ilSicilia.it

L'iniziativa dell'assessorato alla Salute

Escort, prostitute e non solo: dalla Regione “certificati di sana e robusta costituzione” per i “sex workers”

di
5 Febbraio 2019

La Regione vuole incentivare la prevenzione sanitaria e il monitoraggio delle lavoratrici e dei lavoratori del sesso (tecnicamente, sex workers), anche tramite l’uso di sportelli che saranno attivati in tutte le Asp siciliane. Si tratta di un’iniziativa dell’Assessorato alla Salute, guidato da Ruggero Razza, che ha ricevuto l’apprezzamento della giunta regionale presieduta dal governatore Nello Musumeci.

Chi sono esattamente i sex workers lo spiega lo stesso documento della Regione: “Il sex work – si legge – indica non tanto e non solo l’attività di prostituzione”, ma “tutte quelle in cui, dietro retribuzione, la sessualità e l’immaginario erotico vengono lecitamente utilizzati, in spazi reali o virtuali”. Inoltre “vengono definiti lavoratrici e lavoratori sessuali coloro che svolgono professioni connesse al mercato del sesso“. Insomma, non soltanto prostitute che battono i marciapiedi, ma anche e soprattutto chi lavora in casa o chiunque conceda a vario titolo prestazioni sessuali. Il documento cita alcuni esempi, fra questi “i fenomeni di lavoro sessuale part-time di studentesse o di casalinghe o le prestazioni sessuali offerte attraverso il web”.

Una ricerca del Codacons condotta nel 2014 ha analizzato le diverse tipologie di questa pratica e stimava “Il sex work praticato outdoor al 60%, mentre il rimanente 40%, praticato indoor, sarebbe attribuibile, da un lato, alla crisi economica e, dall’altro, al sempre più diffuso utilizzo delle chat e del web“. E proprio i sex workers che lavorano ‘al chiuso’ sarebbero destinatari di “pressioni economiche dei clienti finalizzate a evitare l’uso dei contraccettivi“.

Mancano ricerche sul sex work maschile e se ne ignorano gli aspetti professionali, “essendo tali rapporti registrati genericamente come relazioni omosessuali”, si legge nel documento, che tiene in considerazione anche come “le diverse culture da cui provengono i sex workers rendono difficili campagne uniformi e mirate”. Questi ed altri fattori contribuiscono a determinare il fatto che “Il sex work è considerato uno dei fattori di più alto rischio per la diffusione delle malattie sessualmente trasmissibili, su tutte l’HIV e le co-infezioni, quali la tubercolosi, le epatiti e le infezioni sessualmente trasmesse”.

Da tutte queste considerazioni nasce l’iniziativa della Regione Siciliana, per consentire a chi esercita il mestiere più antico del mondo anche nelle sue più moderne declinazioni di fornire ai clienti una “adeguata conoscenza delle condizioni di salute del lavoratore“, anche tramite “l’esibizione da parte di quest’ultimo di un certificato di ‘sana e robusta costituzione’ che sarà rilasciato a richiesta dell’interessato” dall’Asp territoriale.  Gli sportelli potranno essere fruibili non soltanto dalle lavoratrici del sesso ma anche – recita la delibera – “da tutti i cittadini siciliani che si trovano in una condizione di sessualità attiva”. La certificazione sarà rilasciata dall’Asp all’esito di un check up completo e gratuito, che prevede l’esecuzione di esami ed analisi per il controllo e la diagnosi delle malattie sessualmente trasmissibili, come test rapidi HIV, PEP, PrEP, e TasP.

In ogni Azienda sanitaria dovrebbe essere istituito uno sportello dedicato al sex work, dunque, che custodirà un registro in cui saranno contenute, in forma anonima e nel rispetto dei dati sensibili, il contenuto e la data di rilascio della certificazione richiesta dall’interessato. Questi dati verranno acquisiti, come si legge nel documento della Regione, “anche per finalità statistiche e di collaborazione con le Forze dell’Ordine, le informazioni sullo stato di salute degli interessati”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco