Escrementi e pozze di urina al mercato ortofrutticolo di Palermo: "A rischio la salute dei cittadini" :ilSicilia.it
Palermo

la denuncia di Sabrina Figuccia

Escrementi e pozze di urina al mercato ortofrutticolo di Palermo: “A rischio la salute dei cittadini”

di
30 Settembre 2019
Sabrina FigucciaLa frutta e la verdura fanno bene, aiutano a dimagrire, sono cibi sani ed adatti soprattutto ai bambini. A patto, però, che non transitino dal mercato ortofrutticolo di Palermo, da troppo tempo trasformato in un vero e proprio letamaio a cielo aperto”, lo afferma Sabrina Figuccia, consigliere comunale di Palermo dell’Udc., che prosegue: “Escrementi umani e pozze di urina in ogni angolo, wc perennemente guasti e sporchi da far paura, muri pieni di muffa, stand pericolanti, sporcizia ovunque, rifiuti lasciati a marcire per giorni sotto il sole, impianto anticendio inutilizzabile, cancelli prima aperti abusivamente ed adesso chiusi con blocchi di cemento e nessun controllo da parte della polizia municipale, che nella struttura di via Montepellegrino dovrebbe avere un presidio fisso. Insomma, quello venuto fuori stamattina durante la mia visita ispettiva è un vero e proprio girone infernale di dantesca memoria, altro che posto salubre e pulito, dove purtroppo passano quotidianamente tonnellate di merce che finiscono sulle nostre tavole”.

La stessa Asp – aggiunge la Figuccia – lo scorso 11 settembre nel corso di un’ispezione, aveva messo nero su bianco le disastrose condizioni in cui versa il mercato, dando 20 giorni al Comune per mettere le cose a posto. Finora, però, non è cambiato assolutamente nulla, anzi stamattina ho scoperto pure l’assenza dei vigili urbani, la cui presenza potrebbe essere un valido deterrente per evitare certi comportamenti assolutamente incivili di chi frequenta ogni giorno il mercato”.

Ecco perché il sindaco deve avere il coraggio di prendere una decisione drastica: chiudere la struttura, trovare immediatamente una soluzione alternativa e contemporaneamente provvedere ad una radicale bonifica del sito.

Non è più tollerabile prendersi gioco della salute dei palermitani: il rischio di contrarre malattie è davvero altissimo. E nei prossimi giorni, infine, andrà a verificare di persona anche le condizioni del mercato ittico alla Cala. Chissà quali altre sorprese ci riserverà”, conclude Sabrina Figuccia.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti