Espulso un cittadino tunisino non in regola. Era domicilianto a Pachino :ilSicilia.it
Siracusa

Il cittadino tunisino è risultato far parte di una cellula ispirata al radicalismo islamico

Espulso cittadino straniero: “Presunta appartenenza al radicalismo islamico”

4 Gennaio 2017

Faceva parte di un gruppo ispirato al radicalismo islamico presente sul territorio di Pachino nel siracusano adesso è stato espulso dall’Italia. Si tratta del quarantaseienne Jilani Ben Mahmoud nato a Sfax, seconda città tunisina per numero di abitanti. L’uomo è stato condotto dagli agenti della Digos e dell’ufficio Immigrazione della Questura di Siracusa presso il Cie di Caltanissetta, per procedere alla sua successiva espulsione per motivi di sicurezza nazionale.

Il cittadino tunisino, non in regola con le norme sul soggiorno in Italia, è risultato far parte di una cellula ispirata al radicalismo islamico, di fondata pericolosità sotto l’aspetto dell’ordine e della sicurezza pubblica, presente sul territorio di Pachino. Lo straniero, già dal dicembre dello scorso anno, era stato segnalato dai servizi d’intelligence in ambito di cooperazione internazionale, in quanto alcuni componenti del gruppo, erano in contatto con un minorenne francese di origine italiana, quest’ultimo già noto alle autorità d’oltralpe poiché molto attivo in forum di discussione jihadista e chiaramente intenzionato a raggiungere il teatro siro-iracheno.

Jilani durante un periodo di espiazione di un residuo di pena detentiva, per la violazione delle norme sul soggiorno nel territorio nazionale, aveva assunto all’interno della struttura detentiva una rilevante posizione di leadership tra i detenuti di fede islamica. In seguito a questi fatti, il tunisino era stato posto sotto osservazione anche dal Dipartimento Amministrazione Penitenziaria. Il Prefetto di Siracusa, vagliato tutti gli elementi forniti dalla Digos, ha emesso il provvedimento di espulsione dal territorio nazionale del cittadino tunisino domiciliato nel Comune di Pachino.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.