Esso: la raffineria di Augusta e il deposito di Palermo passano agli algerini :ilSicilia.it
Siracusa

Il Paese maghrebino investe in Italia

Esso: la raffineria di Augusta e il deposito di Palermo passano agli algerini

di
1 Dicembre 2018

Sono stati acquistati dall’Algeria la raffineria di Augusta, i depositi carburanti di Palermo e Napoli e gli oleodotti che servono i medesimi impianti. L’accordo di massima siglato nel maggio scorso tra Esso Italiana, appartenente al colosso statunitense ExxonMobil, e Sonatrach Raffineria Italiana Srl, società posseduta dalla compagnia petrolifera di Stato algerina Sonatrach, è stato perfezionato in questi giorni.

L’annuncio che nella primavera scorsa aveva destato il clamore e la preoccupazione tra i lavoratori, i sindacati e i rappresentanti politici del territorio, adesso è una realtà. Una delle principali raffinerie d’Italia e d’Europa passa nelle mani di uno Stato maghrebino. Un caso emblematico per il settore petrolifero, visto che stavolta è un Paese medio orientale a investire in uno Occidentale. E questo nonostante i costi di lavorazione del petrolio in Italia siano indubbiamente più alti rispetto a quelli algerini. Così come più stringenti sono le regole sul rispetto dell’ambiente.

Nonostante questo Abdelmoumen Ould Kaddour, presidente e direttore generale di Sonatrach, ha assicurato che l’azienda per cui lavora si impegna a “mantenere i livelli occupazionali, la continuità gestionale, l’eccellenza operativa e gli elevati standard in materia di salute, sicurezza e ambiente. Il nostro obiettivo è una presenza di lungo termine, nell’ottica della sicurezza e dell’impegno per un dialogo costruttivo con la forza lavoro, le autorità e le comunità”. Nessun problema, quindi, per i 660 dipendenti diretti dell’azienda e per i circa 800 lavoratori dell’indotto.

Inoltre il Gruppo ExxonMobil ha fatto sapere di aver sottoscritto con Sonatrach diversi contratti pluriennali di natura tecnica, per la fornitura di prodotti petroliferi, attività operative e l’utilizzo dei depositi carburante di Augusta, Palermo e Napoli.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Saghe familiari: Ray Donovan, Peaky Blinders

Ci sono serie o miniserie tv diverse dalle altre perché piuttosto che raccontare le vicende di singoli personaggi hanno come protagonisti degli interi gruppi familiari. In questi casi le  dinamiche narrative sono diverse, più complesse ed articolate e si sviluppano  in  storie totalmente
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin