Estensione Ztl a Palermo, Ferrandelli (+Europa): "Perché non farne una in cui chiudere solo Orlando e Catania?” :ilSicilia.it
Palermo

la dura reazione del consigliere comunale

Estensione Ztl a Palermo, Ferrandelli (+Europa): “Perché non farne una in cui chiudere solo Orlando e Catania?”

di
21 Ottobre 2019

Apprendiamo dalla stampa, e non da un confronto con il consiglio comunale, della volontà di Catania e del Sindaco di estendere la Ztl per 24 ore ed anche nei weekend. Alla proposta mi sento di avanzare un rilancio: perché non istituirne una in cui chiudere H24 il Sindaco e Catania in modo da non poter più nuocere ai palermitani se non a coloro che volontariamente vogliano entrare nel recinto a pagamento con loro? – questa la dura reazione del leader di Più Europa Fabrizio Ferrandelli.

Il tessuto economico all’interno della ztl è stato distrutto, ad eccezione di alcune pedonalizzazioni virtuose e convincenti. Il limite di benzene non si è mai abbassato ed è aumentato lungo i perimetri.  Il doppio senso in via Roma ne ha aumentato gli effetti. Credo sia serio presentare il PUMS e coinvolgere nelle decisioni gli organismi consultivi e i cittadini. Ma l’improvvisazione è la politica degli annunci sembra prevalere con Orlando rispetto a quella de buon senso e della partecipazione“, aggiunge Ferrandelli.

Nemmeno a dirlo – conclude il leader di Più Europache in consiglio comunale alla presentazione della delibera ci troveranno pronti con le modifiche e se il caso le barricate”.

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, Ztl tutti i giorni e 24 ore su 24: l’ultima mossa della giunta Orlando

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.