Estensione ZTL a Palermo, M5S: "Il Comune continua con i suoi esperimenti sulla pelle dei lavoratori" :ilSicilia.it
Palermo

E' polemica sul provvedimento

Estensione ZTL a Palermo, M5S: “Il Comune continua con i suoi esperimenti sulla pelle dei lavoratori”

di
15 Novembre 2019

”Temiamo per il futuro delle imprese e dei lavoratori del centro. Il Comune di Palermo continua con i suoi esperimenti sulla pelle dei lavoratori, delle aziende e dei cittadini, come successo per i cantieri infiniti che hanno fatto morire parte del tessuto imprenditoriale locale’‘.  E’ quanto affermano in un comunicato i consiglieri pentastellati AmellaLo Monaco e Randazzo.

Va trovato un equilibrio per tutelare le imprese del centro vittime della ZTL, e per garantire anche i giovani o le famiglie che– si legge ancora nel comunicato – per raggiungere il centro saranno vincolati da una vera e propria tassa: chi può permetterselo, pagando un balzello al sindaco Orlando, può entrare continuando ad inquinare. Un esperimento del genere sotto il periodo di Natale può essere devastante”.

”Proponiamo almeno di aprire anche di notte e rendere gratuiti tutti i parcheggi gestiti dal Comune e le sue partecipate, offrendo delle navette gratuite per agevolare i cittadini che vogliono raggiungere il centro senza pagare. In una città gestita in modo efficiente, la ZTL avrebbe un senso, ma non a Palermo, dove i servizi sono scarsi e funzionano male”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.