Etnabook: gran finale per il primo Festival del libro e della cultura di Catania :ilSicilia.it
Catania

Conclusa la prima edizione

Etnabook: gran finale per il primo Festival del libro e della cultura di Catania

di
23 Settembre 2019

Volge al termine la prima edizione di Etnabook, Festival del Libro e della Cultura di Catania, che si è rivelata un successo al di là delle aspettative.

Si è assistito a una partecipazione numerosa e sentita da parte del pubblico, nonostante gli orari lavorativi e le condizioni climatiche incerte che avrebbero potuto scoraggiarne la partecipazione. Tutto ciò ha confermato l’interesse sincero e il desiderio della città di Catania di essere coinvolto in questo tipo di eventi. È stato bello notare come le persone facessero davvero un tour di incontri, seguendo il programma nei vari luoghi predisposti, a mo’ di staffetta.

La serata finale ha avuto come protagonisti tre importanti accademici, Rosario Mangiameli, Antonio Di Grado ed Emanuele Fadda, che hanno così concluso in maniera coinvolgente e apprezzata la manifestazione.

Sempre nella serata di chiusura, sono stati annunciati i vincitori del Concorso Booktrailer:

Premio Miglior Booktrailer: Magnolia – Alice DC;

Premio Giuria Giovani: Estelle – Massimo Piccolo;

Premio Giuria del pubblico: Il tappeto – Vincenzo Giuseppe Baldi.

Nella tre giorni di incontri, proiezioni, mostre e dibattiti, non sono mancate le sorprese per gli ospiti. Infatti, penne di un certo calibro del mondo editoriale come Francesco Filippi, Emanuela Ersilia Abbadessa e Laura Tangherlini hanno ricevuto lo speciale “Premio Etnabook”, un riconoscimento e un ringraziamento per il loro impegno culturale a livello nazionale.

I membri del direttivo, Cirino Cristaldi e Giampiero Gobbi, vogliono sottolineare che “quella di Etnabook ha rappresentato una sfida che siamo orgogliosi di aver affrontato. Un ringraziamento sentito va a tutti gli ospiti, ai moderatori, alle giurie, alle librerie, alle case editrici, ai partner, allo staff, ai nostri bookinfluencer, agli autori del concorso, alla CGIL di Catania e, soprattutto, al pubblico che ci ha dato una grande risposta nonostante un clima avverso.” E continuano “Per quanti se lo stessero chiedendo, una seconda edizione non è in cantiere. È già iniziata.”

Nei prossimi giorni saranno annunciate le grandi novità per una seconda edizione ancora più corposa e con una tematica altrettanto di qualità.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.