+Europa, Della Vedova a Palermo: "Raddoppiare i voti in Sicilia per superare il 4%" | video interviste | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Presentata la sede elettorale nel capoluogo siciliano

+Europa, Della Vedova a Palermo: “Raddoppiare i voti in Sicilia per superare il 4%” | video interviste

di
25 Marzo 2019

Guarda le video interviste in alto

La sfida che abbiamo lanciato è quella di superare il 4% alle prossime elezioni Europee e per farlo abbiamo bisogno di raddoppiare le percentuali dei voti in Sicilia. Per questo, la prima iniziativa sui territori l’abbiamo fatta qui“. Benedetto Della Vedova, segretario nazionale di +Europa, detta la linea del partito da Palermo. E lo fa insieme a Fabrizio Ferrandelli, leader dei Coraggiosi, movimento che ha aderito a +Europa.

Della Vedova è arrivato nel capoluogo siciliano per inaugurare la sede del comitato elettorale del partito in vista delle prossime elezioni Europee: “Credo che la Sicilia abbia dato una dimostrazione straordinaria di civiltà e rispetto delle persone, da Lampedusa, a Pozzallo a Palermo – ha affermato, esordendo parlando di sbarchi e di immigrazione, siamo qui per dimostrare che c’è un pezzo di Sicilia che il prossimo 26 maggio alle elezioni europee sceglie di non scommettere sulla paura“.

Purtroppo abbiamo un ministro dell’Interno – ha detto Della Vedova – che fa propaganda sulla pelle di qualche decina di persone e che poi nemmeno si presenta a Bruxelles per cercare di avere una politica europea dell’immigrazione, o per avere una polizia di frontiera e una guardia costiera europea in grado salvare migranti nel Mediterraneo“.

Della Vedova ha commentato il successo del centrodestra in Basilicata: “Un risultato elettorale chiaro – lo ha definito –, come lo era stato in Sardegna e Abruzzo. Da nordico vedo con sofferenza il Sud che riconosce risultati elettorali straordinari a Salvini, che è lo stesso della secessione e che faceva il tifo per i vulcani Vesuvio ed Etna contro i meridionali. E’ evidente che Salvini dà una risposta che altri e i 5Stelle non sanno più dare, noi lo vogliamo sfidare sul terreno della speranza e delle opportunità, a noi noi non interessa cavalcare la paura dei migranti per avere successo“.

In collegamento per un saluto è intervenuta anche Emma Bonino, che ha parlato della Sicilia: “Occorre pensare al Sud e alla Sicilia come il ponte tra il Mediterraneo e l’Africa, in particolare il Nord Africa. Bisogna prepararsi, la Sicilia è al centro dell’area di libero scambio – ha detto – Noi di +Europa vogliamo che si cambi davvero con un Europa più giusta e più democratica, ma con un governo diverso per l italia. Senza il voto dei siciliani – ha ribadito – rischiamo di non arrivare al 4%“.

Fabrizio Ferrandelli, leader dei Coraggiosi, movimento che ha abbracciato il progetto politico di +Europa, ha fatto gli onori di casa a Palermo, nella nuova sede di via Roma, e ha parlato delle istanze dei territori da portare a Bruxelles: “Non ci vogliamo rassegnare a una regione bella come la Sicilia destinata a rimanere povera – ha detto – La grande opportunità dell’area di libero scambio afro-mediterranea per rendere la Sicilia davvero protagonista non deve essere sprecata. Chi non si sente rappresentato dal governo nazionale della paura e dell’assistenzialismo, chi non vuole rassegnarsi a una spesa dei fondi europei deficitaria, può trovare con +Europa un’alternativa valida“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.