Europee, i risultati del sondaggio: i lettori de ilSicilia.it premiano Lega, 5 Stelle e liste sovraniste :ilSicilia.it

Ecco come avete votato

Europee, i risultati del sondaggio: i lettori de ilSicilia.it premiano Lega, 5 Stelle e liste sovraniste

di
25 Febbraio 2019

La Lega si conferma in crescita nel sondaggio che ilSicilia.it ha realizzato, chiedendo a voi lettrici e lettori “Che partito o lista voterete alle prossime elezioni europee”.

Il partito di Matteo Salvini prosegue nel trend positivo e tiene anche il Movimento 5 stelle. Ottimo il risultato di Fratelli d’Italia. Sopra le attese Casapound, mentre appaiono particolarmente scarsi i risultati del Partito Democratico e di Forza Italia, che crolla nel gradimento dei lettori a percentuali irrisorie. Le formazioni a sinistra scontano un periodo di crisi e non brilla nemmeno + Europa. In sostanza, il trend è la polarizzazione del consenso sempre più verso le due attuali forze di governo e la crescita anche delle altre liste che si muovono nella cosiddetta area sovranista.

Ha scelto la Lega il 39,68 per cento dei votanti, pari a 7911 lettori. Il Movimento 5 Stelle è stato scelto dal 26,15 per cento di chi ha votato il sondaggio, pari a 5214 lettori. Netto il divario con la terza forza politica, il Partito democratico, che ha ottenuto appena 1520 voti, pari al 7,62 per cento. Scarso e decisamente in calo il risultato di Forza Italia, che con 790 voti si ferma al 3,96 per cento. Come si diceva, le forze euroscettiche e sovraniste vanno con il vento in poppa: Fratelli d’Italia è stato votato da 1390 lettori (pari al 6,97 per cento) e Casapound si attesta sul 7,52 per cento, ottenendo ben 1500 voti.

“+ Europa” è al 3,52 (752 voti). A Strasburgo aderisce al gruppo Alde. Per quanto riguarda il centrosinistra, Potere al popolo ottiene l’1,22 per cento con 244 voti, mentre le altre liste di sinistra non superano lo 0,86 per cento, con appena 171 voti. Infine, i Verdi ottengono lo 0,80 pari a 160 voti. Bassa (1,70 per cento) la percentuale di quanti hanno scelto le caselle “nessuno di questi” e “non andrò a votare”.

Si poteva votare dalle ore 11 di mercoledì 20 febbraio fino alle ore 23,59 di domenica 24 febbraio 2019. A votare siete stati quasi 20 mila e questo per noi è un bel risultato, per l’attenzione che, collegandovi sul sondaggio e votandolo, avete mostrato al quesito che il nostro giornale ha posto, ricordando che non si è trattato di un sondaggio scientifico, non essendo noi un istituto di rilevazioni demoscopiche, ma di un modo per registrare comunque un orientamento. Anche il campione di chi ha votato non è “selezionato”, ma tutti indistintamente avete potuto votare, collegandovi su ilSicilia.it ed esprimendo la vostra preferenza. Inoltre, il nostro sistema ha automaticamente annullato i doppi voti, che non sono stati conteggiati e sono finiti in una “cache” apposita.

RISULTATI

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.