Europee, il Pd siciliano presenta i suoi candidati e ricorda i dirigenti scomparsi :ilSicilia.it

Nella sede di via Bentivegna, a Palermo

Europee, il Pd siciliano presenta i suoi candidati e ricorda i dirigenti scomparsi

23 Aprile 2019

Il Partito Democratico siciliano scalda i motori in vista delle elezioni Europee del prossimo 26 maggio e dà il via alla campagna elettorale con la presentazione dei candidati dem nella circoscrizione insulare.

Presenti in via Bentivegna, a Palermo, nella sede siciliana dei democratici, tutti  candidati che corrono per un seggio a Strasburgo: la capolista Caterina Chinnici, l’uscente Michela Giuffrida, il medico di Lampedusa Pietro Bartolo, Virginia Puzzuolo, Attilio Licciardi, Leo Ciaccio, Mila Spicola e il sardo Andrea Soddu. C’era anche il segretario regionale del partito Davide Faraone.

Nel corso della presentazione sono stati ricordati i due dirigenti siciliani del partito scomparsi nei giorni scorsi, Maria Fasolo e Gianni Parisi: “Per noi sono state perdite importanti – ha detto il segretario aprendo di presentazione dei candidati – Sono due persone che sono state sempre presenti in tutta la nostra attività politica“.

 

LEGGI ANCHE:

Pd, ecco i candidati per le Europee in Sicilia e Sardegna

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.