18 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.53

Nella sede di via Bentivegna, a Palermo

Europee, il Pd siciliano presenta i suoi candidati e ricorda i dirigenti scomparsi

23 Aprile 2019

Il Partito Democratico siciliano scalda i motori in vista delle elezioni Europee del prossimo 26 maggio e dà il via alla campagna elettorale con la presentazione dei candidati dem nella circoscrizione insulare.

Presenti in via Bentivegna, a Palermo, nella sede siciliana dei democratici, tutti  candidati che corrono per un seggio a Strasburgo: la capolista Caterina Chinnici, l’uscente Michela Giuffrida, il medico di Lampedusa Pietro Bartolo, Virginia Puzzuolo, Attilio Licciardi, Leo Ciaccio, Mila Spicola e il sardo Andrea Soddu. C’era anche il segretario regionale del partito Davide Faraone.

Nel corso della presentazione sono stati ricordati i due dirigenti siciliani del partito scomparsi nei giorni scorsi, Maria Fasolo e Gianni Parisi: “Per noi sono state perdite importanti – ha detto il segretario aprendo di presentazione dei candidati – Sono due persone che sono state sempre presenti in tutta la nostra attività politica“.

 

LEGGI ANCHE:

Pd, ecco i candidati per le Europee in Sicilia e Sardegna

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.