Europee, il Pd siciliano presenta i suoi candidati e ricorda i dirigenti scomparsi :ilSicilia.it

Nella sede di via Bentivegna, a Palermo

Europee, il Pd siciliano presenta i suoi candidati e ricorda i dirigenti scomparsi

di
23 Aprile 2019

Il Partito Democratico siciliano scalda i motori in vista delle elezioni Europee del prossimo 26 maggio e dà il via alla campagna elettorale con la presentazione dei candidati dem nella circoscrizione insulare.

Presenti in via Bentivegna, a Palermo, nella sede siciliana dei democratici, tutti  candidati che corrono per un seggio a Strasburgo: la capolista Caterina Chinnici, l’uscente Michela Giuffrida, il medico di Lampedusa Pietro Bartolo, Virginia Puzzuolo, Attilio Licciardi, Leo Ciaccio, Mila Spicola e il sardo Andrea Soddu. C’era anche il segretario regionale del partito Davide Faraone.

Nel corso della presentazione sono stati ricordati i due dirigenti siciliani del partito scomparsi nei giorni scorsi, Maria Fasolo e Gianni Parisi: “Per noi sono state perdite importanti – ha detto il segretario aprendo di presentazione dei candidati – Sono due persone che sono state sempre presenti in tutta la nostra attività politica“.

 

LEGGI ANCHE:

Pd, ecco i candidati per le Europee in Sicilia e Sardegna

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.