Europee, urne aperte con lo sguardo sulla tenuta del governo. Ecco come si vota :ilSicilia.it

italiani ai seggi dalle 7 alle 23

Europee, urne aperte con lo sguardo sulla tenuta del governo. Ecco come si vota

di
26 Maggio 2019

Italia al voto per queste elezioni europee 2019, ma oltre che sul parlamento di Strasburgo, l’esito delle urne potrebbe avere effetti anche sul governo italiano retto dalla maggioranza giallo-verde.

Molti sono, infatti, gli interrogativi che accompagnano queste consultazioni europee che sembrano un po’ elezioni politiche: Il governo Conte rimarrà in carica? La coalizione gialloverde sarà ancora maggioranza nel Paese? Chi prevarrà fra Lega e Movimento Cinque Stelle? Quale sarà il risultato del Partito democratico guidato dal nuovo segretario? E Forza Italia, con un ritrovato Berlusconi, che percentuale riuscirà a ottenere? Prevarranno i sovranisti o gli europeisti? E negli altri Paesi europei come muteranno i rapporti di forza fra gli opposti schieramenti?

Sono queste, infatti, alcune delle domande che accompagnano questa giornata elettorale, in cui sono 51 milioni i cittadini italiani chiamati alle urne.

Ecco come si vota

Le urne sono aperte oggi domenica 26 maggio 2019, dalle ore 7 alle 23. Il voto di lista si esprime tracciando sulla scheda, con la matita copiativa che vi verrà consegnata al seggio, un segno X sul contrassegno corrispondente alla lista prescelta.

E’ possibile (non obbligatorio) esprimere da uno a tre voti di preferenza per candidati compresi nella lista votata. Ma attenzione, nel caso di più preferenze espresse, queste devono riguardare candidati di sesso diverso, pena l’annullamento della seconda e della terza preferenza.

Le preferenze si esprimono scrivendo, nelle apposite righe tracciate a fianco del contrassegno della lista votata, il nome e cognome o solo il cognome dei candidati preferiti compresi nella lista medesima; in caso di identità di cognome fra più candidati, si deve scrivere sempre il nome e il cognome e, se occorre, la data e il luogo di nascita.

Lo spoglio incomincerà alle 23, subito dopo la chiusura delle urne.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin