Evasione fiscale. Catania, siglato accordo tra Agenzia delle Entrate, Guardia di Finanza e Procura :ilSicilia.it

procedure snelle per scoprire il sommerso

Evasione fiscale. Catania, accordo tra Agenzia delle Entrate, Guardia di Finanza e Procura

3 Aprile 2018

Pugno duro del fisco per i reati economici. È stato siglato, infatti, un protocollo d’intesa tra l’Agenzia delle Entrate Sicilia, la Guardia di Finanza e la Procura della Repubblica di Catania per contrastare i tentativi di evasione fiscale. L’iniziativa, però, non riguarda solo il capoluogo etneo, alcune città siciliane hanno già sottoscritto lo stesso accordo e altre si apprestano a farlo. Sono direttive, queste, che nascono sotto l’egida della Legge di Stabilità 2016.

Lo strumento serve a stringere le maglie dei controlli e ad allargare quelle della collaborazione tra istituzioni per mettere in campo una sinergia di forze in grado di consentire una verifica capillare dei mille rivoli in cui, a volte, si perde la tracciabilità del denaro o del sommerso.

Si tratta di un procedimento necessario per semplificare l’iter burocratico e scoprire in minor tempo gli illeciti tributati perché consente la trasmissione e l’accesso ai dati da un ufficio all’altro con procedimenti più snelli.

E per quanto attiene ai reati di evasione fiscale e in materia di imposte sui redditi e iva, il fattore tempo è fondamentale. Tra le altre cose, l’intesa prevede flussi comunicativi più rapidi, attraverso l’uso di procedure informatizzate, l’integrazione delle notizie di reato con eventuali sopravvenute informazioni, il costante aggiornamento sugli sviluppi e sugli esiti dei procedimenti penali per reati tributari, per reati che abbiano prodotto proventi illeciti sottoponibili a tassazione o che implichino costi e spese non deducibili.

Va ricordato che dal 2016, i reati di natura economico-fiscale sono puniti dal codice penale. Era il periodo in cui fece scalpore l’affermazione dell’allora direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi,  che in conferenza stampa affermò che gli evasori avrebbero conosciuto “Il lato oscuro dell’accertamento”.

È plausibile pensare che la boutade si sia poi trasformata nella direttiva che adesso permetterà la sinergia di forze tra le istituzioni per la caccia al sommerso. Il protocollo d’intesa, ad ogni modo, è atteso anche a Palermo in tempi abbastanza brevi.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.