16 gennaio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.55
caronte manchette
caronte manchette
Messina

Proroga al 28 febbraio per i grandi creditori

Evasione tributaria a Messina, De Luca: “Pagare tutti per pagare meno”

8 gennaio 2019

Finalmente è stata definita la struttura del bilancio di previsione 2019/2021 per essere esitato dalla Giunta comunale la prossima settimana. La nostra sfida per il risanamento di Messina va avanti e siamo fiduciosi, anzi certi, di poter ottenere i risultati che ci siamo posti per rilanciare la città”. Lo evidenzia il sindaco di Messina, Cateno De Luca che così rilancia la sfida dei vertici di Palazzo Zanca sul riassetto finanziario dell’ente locale.

“Abbiamo definito anche la strategia attuativa – evidenzia De Luca – per quanto concerne le attività volte al contrasto all’evasione ed elusione tributaria. L’azione che porteremo avanti avrà un presupposto molto chiaro: pagare tutti per pagare meno. C’è tanto da fare ma siamo pronti ad affrontare tutte le incombenze con dei provvedimenti mirati ed in grado di poter essere efficaci. Nei prossimi giorni metteremo a punto tutte le iniziative in Giunta”.

De Luca si è anche soffermato sull’attività transattiva avviata con i “grandi creditori” di Palazzo Zanca, al cui riguardo si è prospettato invece un “atto di proroga al 28 febbraio 2019”. “Gli accordi per l’abbattimento del 50% della situazione debitoria o per la rateizzazione in 15 anni della massa debitoria – ha detto il primo cittadino di Messina – stanno andando bene. A tal fine nelle scorse ore si è concordato di prorogare il termine conclusivo con i grandi creditori al 28 febbraio 2019 per arrivare almeno al 70% di accordi dei titolari della massa creditoria. Questo è il lavoro più delicato ed importate per evitare il dissesto finanziario di cui nessuno mai si era occupato”.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

Mafia, ladruncoli, o collezionisti seriali?

Quando si sente parlare di opere trafugate, molto spesso si pensa ad un gesto occasionale, magari a cura di balordi o inconsapevoli ladruncoli, che con poca esperienza arraffano alla meglio quello che capita sotto mano.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.