Evaso dal carcere Pagliarelli, bloccato in via Messina Marine :ilSicilia.it
Palermo

Fermato grazie ad un agente di polizia non in servizio

Evaso dal carcere Pagliarelli, bloccato in via Messina Marine

di
30 Giugno 2019

La Polizia di Stato ha arrestato per il reato di evasione Domenico Zora, palermitano di 35 anni; l’uomo aveva usufruito nel mese di aprile di un permesso premio di due giorni durante la reclusione per condanna definitiva per furto e non aveva fatto più ritorno in carcere facendo perdere le sue tracce.

La scorsa sera, un agente della Polizia di Stato libero dal servizio, mentre percorreva la via Messina Marine, si è imbattuto in quello che ha inequivocabilmente riconosciuto come l’uomo ricercato da qualche mese e di cui ricordava con chiarezza i tratti somatici.

Senza mai perderlo di vista, l’agente ha, quindi, sollecitato immediatamente i rinforzi dei colleghi attraverso la Centrale Operativa della Questura, continuando a seguire l’evaso fino ad uno spiazzo, nei pressi del porticciolo della zona denominata “Bandita”.

Pochi istanti dopo, guidati telefonicamente dal collega libero dal servizio, sono giunti alcuni equipaggi della Polizia di Stato che hanno circondato la zona, precludendo al malvivente ogni eventuale tentativo di fuga; i poliziotti hanno a quel punto atteso che l’uomo venisse allo scoperto e lo hanno bloccato, nonostante il suo vano tentativo di divincolarsi e di opporsi alla cattura.

Espletate le formalità di rito, Zora è stato tratto in arresto e condotto presso la Casa Circondariale “Lorusso” di Pagliarelli per scontare la sua pena residua.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin