Eventi al Teatro Antico di Taormina: atteso l'ok dell'Asp per ampliare la capienza :ilSicilia.it
Messina

TaoArte ha già attivato l'iter per la deroga

Eventi al Teatro Antico di Taormina: atteso l’ok dell’Asp per ampliare la capienza

di
3 Giugno 2021

La stagione degli eventi al Teatro Antico di Taormina scatta il 12 giugno ed è corsa contro il tempo per arrivare ad una prima svolta sulla capienza nel sito archeologico che accoglie i grandi eventi nella capitale del turismo siciliano.

Sono lontani, al momento, i numeri del passato, quando era possibile fare arrivare al Teatro Antico 4 mila e 500 persone e si poteva così registrare il gran pienone: l’emergenza sanitaria ha imposto rigidi limiti e una drastica riduzione della capienza almeno per il momento, ma l’obiettivo è quello di iniziare ad aumentare la capienza anche rispetto allo scorso anno, quando al Teatro Antico era stata concessa la possibilità di far arrivare soltanto 800 persone.

La Fondazione Taormina Arte ha già prontamente attivato la procedura per ottenere una deroga sulla capienza in occasione degli eventi dell’estate 2021. Attualmente il numero dei posti disponibili per gli appuntamenti al Teatro Antico è di mille persone. TaoArte, attraverso l’apposito iter a cura del Commissario straordinario, Bernardo Campo, ha richiesto una deroga che possa consentire di incrementare l’odierna capienza sino a 1617. E adesso si attende che possa arrivare il nulla osta a questa procedura.

L’iter, in sostanza, prevede che venga fatta una richiesta alla Regione Siciliana e la Fondazione Taormina Arte si è già mossa, per tempo, in questa direzione con relativa nota del 24 maggio. A questo punto la Regione Siciliana, a sua volta, ha chiesto il 25 maggio parere all’Asp competente, l’Azienda Sanitaria Provinciale di Messina. Vi è la necessità che possa arrivare in tempi stretti la comunicazione dell’Asp in accoglimento all’istanza per l’aggiornamento del dato sulla capienza – così ovviamente si spera – , e una volta ottenuto tale parere, la Regione Siciliana sarebbe nelle condizioni di concedere la deroga.

La questione viene attesa dalla Fondazione TaoArte che proporrà diversi spettacoli nel ricco calendario previsto e c’è, ancora di più, l’attesa dagli organizzatori dei concerti e dei grandi eventi, che quest’anno contano di riportare sulla scena artisti importanti e che sono pronti a far andare in scena i big della musica italiana ed internazionale. E c’è poi anche l’ulteriore aspetto riguardante la capienza complessiva per gli eventi al Teatro Antico, in riferimento alla possibilità di far tornare a pieno regime l’accoglienza del pubblico al Teatro Antico: ad oggi ci sono delle limitazioni inerenti l’esigenza di garantire il distanziamento, per contrastare la diffusione del Coronavirus, ma si vorrebbero creare le condizioni per poter tornare quanto prima al pienone a Teatro.

In passato, come detto, la capienza era di 4 mila 500 persone e ad ora è stata ridotta a complessivi 3648 posti. La Fondazione TaoArte, di concerto con il Parco di Naxos-Taormina, sta lavorando per poter centrare l’obiettivo del ritorno alla massima capienza con un progetto che prevede una via di fuga dal lato dell’ingresso al Teatro Antico di via Bagnoli Croce, con la previsione in quel percorso di apposite piazzuole di sosta, dove si concentrerebbe la presenza delle persone in caso di eventuali calamità naturali.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin