"Evitare rischio focolai, distanziamento ancora necessario sui mezzi di trasporto" :ilSicilia.it

appello di Papatheu a Musumeci

“Evitare rischio focolai, distanziamento ancora necessario sui mezzi di trasporto”

di
6 Luglio 2020

“I focolai di virus che in ordine sparso si stanno verificando in Italia non destano allarme ma devono rappresentare un invito alla prudenza e farci capire che il peggio è passato ma occorre continuare a fare attenzione. Per questo auspico che il presidente Musumeci possa rivedere in termini di maggiore precauzione la sua recente ordinanza in base alla quale tutti i mezzi di trasporto possono tornare ad essere occupati al 100%”.

Così la parlamentare siciliana di Forza Italia, la senatrice Urania Papatheu, chiede al governatore Nello Musumeci di modificare in termini prudenziali la recente ordinanza con la quale ha disposto che nel trasporto pubblico tutti i posti a disposizione possano essere nuovamente occupati senza limitazioni inerenti la capienza dei mezzi.

“Il mio appello non vuole essere polemico – evidenzia Papatheu – è un invito alla prudenza e ad un maggior senso di responsabilità, poiché la fase di maggiori presenze turistiche in Sicilia porterà sul territorio e nei vari mezzi molte più persone, provenienti da qualsiasi luogo, ed il rischio che con questa contaminazione possa esserci un soggetto positivo è confermata oggi dagli ultimi dati. Il fatto che chiunque potrà sedersi accanto ad un’altra persona anche se non appartiene allo stesso nucleo familiare deve farci riflettere affinché la Sicilia, che sin qui è stata la regione più virtuosa d’Italia nella lotta al Covid-19, non possa essere interessata da singoli casi nei giorni in cui tanti operatori economici lottano per salvare il salvabile di quest’annata”.

“Appare un controsenso che non si possa andare al cinema e che non ci si possa ammassare nei teatri, per prevenire il rischio di diffusione del Covid, e che sui mezzi di trasporto, invece, non ci sia più necessità di distanziamento. L’obbligo soltanto della mascherina non può bastare di fronte ad un virus di cui non sappiamo ancora oggi, con assoluta certezza, esattamente come avvenga la trasmissione e l’effettiva dinamica di contagio.

“Perciò mi auguro sia rivista l’ordinanza e ristabilito un distanziamento minimo con alternanza di un posto utilizzabile e uno no (salvo nuclei familiari, affini o congiunti), sopratutto per chi viaggia , a protezione dei siciliani e degli operatori del trasporto pubblico e privato impegnati su traghetti, autobus, pullman, treni, taxi. Si ai mezzi pieni, nei limiti, no al ritorno dei passeggeri ammassati”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.