"Evitare rischio focolai, distanziamento ancora necessario sui mezzi di trasporto" :ilSicilia.it

appello di Papatheu a Musumeci

“Evitare rischio focolai, distanziamento ancora necessario sui mezzi di trasporto”

di
6 Luglio 2020

“I focolai di virus che in ordine sparso si stanno verificando in Italia non destano allarme ma devono rappresentare un invito alla prudenza e farci capire che il peggio è passato ma occorre continuare a fare attenzione. Per questo auspico che il presidente Musumeci possa rivedere in termini di maggiore precauzione la sua recente ordinanza in base alla quale tutti i mezzi di trasporto possono tornare ad essere occupati al 100%”.

Così la parlamentare siciliana di Forza Italia, la senatrice Urania Papatheu, chiede al governatore Nello Musumeci di modificare in termini prudenziali la recente ordinanza con la quale ha disposto che nel trasporto pubblico tutti i posti a disposizione possano essere nuovamente occupati senza limitazioni inerenti la capienza dei mezzi.

“Il mio appello non vuole essere polemico – evidenzia Papatheu – è un invito alla prudenza e ad un maggior senso di responsabilità, poiché la fase di maggiori presenze turistiche in Sicilia porterà sul territorio e nei vari mezzi molte più persone, provenienti da qualsiasi luogo, ed il rischio che con questa contaminazione possa esserci un soggetto positivo è confermata oggi dagli ultimi dati. Il fatto che chiunque potrà sedersi accanto ad un’altra persona anche se non appartiene allo stesso nucleo familiare deve farci riflettere affinché la Sicilia, che sin qui è stata la regione più virtuosa d’Italia nella lotta al Covid-19, non possa essere interessata da singoli casi nei giorni in cui tanti operatori economici lottano per salvare il salvabile di quest’annata”.

“Appare un controsenso che non si possa andare al cinema e che non ci si possa ammassare nei teatri, per prevenire il rischio di diffusione del Covid, e che sui mezzi di trasporto, invece, non ci sia più necessità di distanziamento. L’obbligo soltanto della mascherina non può bastare di fronte ad un virus di cui non sappiamo ancora oggi, con assoluta certezza, esattamente come avvenga la trasmissione e l’effettiva dinamica di contagio.

“Perciò mi auguro sia rivista l’ordinanza e ristabilito un distanziamento minimo con alternanza di un posto utilizzabile e uno no (salvo nuclei familiari, affini o congiunti), sopratutto per chi viaggia , a protezione dei siciliani e degli operatori del trasporto pubblico e privato impegnati su traghetti, autobus, pullman, treni, taxi. Si ai mezzi pieni, nei limiti, no al ritorno dei passeggeri ammassati”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin