26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.42

La vittima è Walter Cucovaz

Ex agente di scorta scampato alla strage di Capaci muore bruciato nella propria casa

1 Gennaio 2019

Un ex poliziotto di 57 anni e ex agente di scorta di Falcone e Borsellino è morto la notte scorsa nell’incendio del suo appartamento a Savona.

Walter Cucovaz non ha avuto scampo: le fiamme si sono sviluppate poco prima delle 23 al terzo piano di una palazzina del popolare quartiere di Legino. A dare l’allarme una vicina che ha visto il fumo provenire dall’appartamento. Nonostante l’immediato intervento dei vigili del fuoco per Cucovaz non c’è stato nulla da fare.

Cucovaz aveva avuto un addestramento specifico in protezione e scorta: nel 1983 era stato destinato a Palermo in servizio effettivo, inserito nella fase di protezione di Falcone e Borsellino. Si era salvato dall’attentato di Capaci perché quel giorno era in turno in tribunale.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.