Ex alfaniani e Iene: i vincitori siciliani delle europarlamentarie del M5s :ilSicilia.it

Le selezioni online dei pentastellati

Ex alfaniani e “iene”: i vincitori delle europarlamentarie del M5s

5 Aprile 2019

Parlamentari europei uscenti, ex Iene e collaboratori del gruppo pentastellato all’Ars, ma anche un ‘ex alfaniano’: questi alcuni degli identikit che corrispondono ai vincitori siciliani delle Europarlamentarie con cui il Movimento 5 Stelle ha selezionato i candidati che proveranno ad aggiudicarsi un seggio a Strasburgo.

Dopo i malumori e le proteste per le esclusioni di questi giorni, alcune con forti strascichi polemici, adesso si conoscono i profili dei possibili futuri europarlamentari. I posti in lista sono otto, tanti quanti i seggi che verranno assegnati nella circoscrizione Isole.

Il primo è quello dell’uscente Ignazio Corrao, alcamese, primo degli eletti con 2839 voti. Uomo forte del Movimento in Sicilia, è considerato tra i pentastellati siciliani più vicini a Luigi Di Maio insieme a Giancarlo Cancelleri. C’è, poi, l’ex Iena Dino Giarrusso. Prima di candidarsi, il catanese aveva lasciato il ruolo di responsabile dell’osservatorio concorsi. Era segretario particolare del viceministro Lorenzo Fioramonti.

Al terzo posto e prima fra le donne la ragusana Flavia Di Pietro, collaboratrice parlamentare all’Ars del gruppo pentastellato e fondatrice del meetup di Buscemi. Al quarto posto l’avvocato catanese Matilde Montaudo, finita sulla graticola durante la ‘campagna elettorale’ per aver confuso in un video che aveva girato la Trojka con la Perestrojka.

Primo sardo è Donato Forcillo, seguito da Antonio Brunetto, un tempo vicino all’ex ministro e fondatore del Nuovo centrodestra Angelino Alfano. Posto in lista anche per Antonella Corrado, siracusana, anche lei finita sulla graticola per una laura specialistica conseguita in Germania, prima inserita e poi tolta dal curriculum. L’ultimo posto utile se lo aggiudica la sarda Anna Sulis.

 

Leggi anche:

Candidata catanese esclusa dalle selezioni M5s: “Non sono una hater, sono una lover”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.