Ex killer pentito di mafia torna in Sicilia e riorganizza la cosca. 15 arresti :ilSicilia.it
Ragusa

l'ex collaboratore è Claudio Carbonaro

Ex killer pentito di mafia torna in Sicilia e riorganizza la cosca. 15 arresti

di
24 Ottobre 2019

Un ex pentito di mafia era tornato in Sicilia dopo anni di protezione da parte dello Stato e aveva riorganizzato la sua cosca, con connivenze anche con imprenditori locali.

Stamattina all’alba è finito in manette in un blitz delle squadre mobili di Catania e Ragusa insieme ad altre 14 persone, dodici sarebbero “picciotti” della neonata cosca e due sarebbero imprenditori. Tra i reati contestati l’estorsione pluriaggravata, l’illecita concorrenza con minaccia, le lesioni aggravate e la detenzione ed il porto di armi.

L’ex collaboratore è Claudio Carbonaro, ex sicario della “Stidda” di Vittoria, in provincia di Ragusa, reo confesso di sessanta omicidi. Da alcuni anni, dopo la collaborazione e dopo aver fatto catturare molti boss, era rientrato nel suo paese di origine, dove stava tessendo le fila di un neonato clan mafioso da lui stesso guidato, riallacciando rapporti con i vecchi padrini della zona, ma soprattutto mettendo le mani su fiorenti attività economiche.

La squadra mobile, infatti, ha sequestrato cinque società per un valore di circa 5 milioni di euro, che avrebbero fatto capo alla cosca: fra i business su cui aveva puntato l’ex pentito c’è quello della plastica per la copertura delle serre, che in provincia di Ragusa sono tantissime e possono garantire ingenti guadagni, e lo smaltimento dei rifiuti: il riciclo della plastica delle serre, infatti, sarebbe stato smaltito illegalmente.

Le indagini, delegate dalla Procura Distrettuale di Catania, erano scattate nel 2014 in seguito ad un sequestro, operato a Roma dalla Squadra Mobile, di calzature contenenti materiali nocivi per la salute. Era stata ipotizzata dagli investigatori l’esistenza di un’organizzazione dedita al traffico di rifiuti plastici, acquisiti da imprese di raccolta e stoccaggio aventi sede nelle province di Ragusa e Catania ed esportati in Cina. Qui venivano utilizzati per la fabbricazione di scarpe, poi importate in Italia e commercializzate pur contenendo, per i magistrati, sostanze tossiche.

I NOMI DEGLI ARRESTATI

Oltre a Claudio Carbonaro 60 anni di Vittoria, sono finiti in carcere Salvatore D’Agosta di 53 anni, Giuseppe Ingala di 36 anni, Antonino Minardi di 45 anni, Crocifisso Minardi di 53 anni, Emanuele Minardi di 49 anni, Salvatore Minardi di 45 anni, Giovanni Tonghi di 38 anni, Giovanni Donzelli di 71 anni e Raffaele Donzelli di 46 anni, tutti di Vittoria.

Agli arresti domiciliari invece vi sono Gaetano Tonghi di 37 anni, Giovanni Longo di 55 anni (originario di Acate), Andrea Marcellino di 35 anni (originario di Siracusa), Salvatore Minardi di 25 anni e Francesco Farruggia di 42 anni di Vittoria.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.