Ex Lsu Palermo. Maggioranza spinge per aumento ore e stabilizzazione :ilSicilia.it
Palermo

Si tratta di circa 3000 lavoratori

Ex Lsu Palermo. Maggioranza spinge per aumento ore e stabilizzazione

di
15 Novembre 2017

Da decenni svolgono importanti mansioni per il Comune di Palermo, con contratti di lavoro a tempo parziale. Si tratta dei circa 3.000 ex lavoratori socialmente utili. Alcuni di loro, circa 1.200 sono stati stabilizzati tra il 2008 e il 2009.

Una situazione non certo ideale, per questo chiedono l’aumento a 36 ore e il contratto a tempo indeterminato per coloro che versano ancora in una condizione di precarietà. Secondo Paola Caselli, della Fp Cgil di Palermo, non tutte le risorse destinate dallo Stato al Comune, circa 55 milioni di euro, verrebbero utilizzate per pagare gli stipendi.

Due esigenze che fanno il paio con la necessità di fare fronte alle esigenze di organico dell’ente, indispensabili per l’erogazione di tutti i servizi alla cittadinanza. Anche perché, come spiega Luigi D’Antona, lavoratore e rappresentante sindacale della Cgil, nel giro di un paio di anni molti andranno in pensione lasciando sguarnite diverse centinaia di posizioni che il Comune non riuscirà a rimpiazzare.

Dario Chinnici
Dario Chinnici

A loro sostegno oggi sono intervenuti i capogruppo in consiglio comunale del Pd, Dario Chinnici, del Mov139, Sandro Terrani, di Sicilia Futura, Gianluca Inzerillo, e di Palermo 2022 Francesco Bertolino. “Immaginare l’Amministrazione con l’utilizzo part time di circa 3.000 dipendenti rispetto ai 6.680 in pianta organica è paradossale – hanno dichiarato – oltre che non più sostenibile per il Comune di Palermo”.

“Da parte della maggioranza – hanno continuato – così come già manifestato, c’è la massima disponibilità possibile per individuare un percorso comune che possa portare ad una implementazione oraria che coniughi un miglioramento dei servizi resi alla cittadinanza e una sostenibilità finanziaria in. Condividiamo l’esigenza di superare le mere intenzioni, trasformandole in atti concreti, sia per migliorare i servizi sia per dare maggiore dignità ai nostri lavoratori”.

“Cogliamo l’occasione inoltre – hanno concluso – per proporre una rivisitazione della politica complessiva del personale comunale, perché il tutto deve essere rimodulato con una visione indirizzata verso la cittadinanza. Siamo fiduciosi che ogni gruppo politico sosterrà iniziative a sostegno di questo percorso, convinti e supportati dal programma e dalle intenzioni dell’Amministrazione stessa”.

Barbara Evola
Barbara Evola

Sulla stessa scia Barbara Evola, consigliera comunale di Sinistra Comune e presidente della commissione bilancio. “Condividiamo le istanze, più volte rappresentate dai lavoratori e dalle lavoratrici ex LSU del Comune di Palermo – ha detto – e chiediamo con forza al Sindaco e all’Assessore al personale di convocare al più presto, l’incontro con le rappresentanze sindacali per definire con chiarezza, dopo troppi anni di attesa, il futuro di oltre tremila lavoratori della città”.
Per l’esponente di Sinistra Comune “il lavoro di queste lavoratrici e questi lavoratori è necessario per mantenimento dei servizi essenziali resi dall’Amministrazione comunale alla città e riteniamo che, vista la gran mole di pensionamento di questi ultimi anni, sia maturo il tempo per stabilizzare ed aumentare le ore lavorative a persone che, da troppo tempo, non hanno adeguati stipendi e certezza del loro futuro”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti