Ex Pip: l'impugnativa rallenta la stabilizzazione. I timori dell'Ars :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

Emerge dalla Commissione Bilancio

Ex Pip: l’impugnativa rallenta la stabilizzazione. I timori dell’Ars

di
26 Settembre 2018

Subisce una nuova battuta d’arresto il percorso per la stabilizzazione dei 2.008 lavoratori ex Pip, per i quali l’Ars aveva disposto nella manovra finanziaria dell’aprile scorso il passaggio alla Resais, società partecipata della Regione Siciliana. Stavolta sono le stesse forze politiche che in passato avevano sostenuto il provvedimento, forzando la mano sulla sua legittimità costituzionale, a tirare il freno.

Sulla norma, impugnata dal governo nazionale, pende il giudizio della Consulta che potrebbe vanificare tutto. Se la sentenza dovesse essere sfavorevole i lavoratori che nel frattempo fossero passati alla Resais rischierebbero di rimanere fuori anche dal bacino in cui si trovano adesso. E’ questo il timore emerso oggi in Commissione Bilancio, che si riunirà domani per continuare la discussione.

Una vera e propria beffa per chi da circa 20 anni attende di uscire dalla precarietà. Infatti, se dovesse accade questo i contratti che verrebbero stipulati con la Resais decadrebbero e allo stesso tempo i lavoratori non avrebbero nessuna garanzia giuridica per tornare indietro. Per gli onorevoli della maggioranza Giuseppe Milazzo, Vincenzo Figuccia, Edy Tamajo e Marianna Caronia, quindi, bisogna scongiurare il rischio. Secondo loro è necessario stabilire una interlocuzione con il governo nazionale al fine di definire congiuntamente una norma transitoria che assicuri il futuro dei lavoratori. Solo a questa condizione sarà possibile dare seguito all’iter avviato nei giorni scorsi dagli uffici dell’Assessorato al lavoro.

Per Giuseppe Lupo, capogruppo del Partito democratico, invece, sarebbe più opportuno posticipare la data del transito alla Resais dopo il pronunciamento dei giudici. Una soluzione che però gli esponenti della maggioranza non condividono perché non farebbe altro che prolungare sine die lo stato di precarietà degli ex Pip. In effetti nessuno è in grado di stabilire quanto sarà pubblicata la sentenza, anche se comunque è facile prevedere che i tempi saranno abbastanza lunghi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin