"Ex poliziotto mise l'esplosivo sotto l'autostrada", l'ultima rivelazione sulla Strage di Capaci :ilSicilia.it
Palermo

Parola del pentito Pietro Riggio

“Ex poliziotto mise l’esplosivo sotto l’autostrada”, l’ultima rivelazione sulla Strage di Capaci

di
23 Ottobre 2019

Nuove rivelazioni sulla strage di Capaci in cui morì il giudice Giovanni Falcone. A rivelarle è Pietro Riggio, 54 anni, pentito dal 2009, che ha parlato anche dell’ex leader di Confindustria Sicilia Antonello Montante, condannato a 14 anni in primo grado.

Secondo il verbale dell’interrogatorio dell’ex agente delle Polizia Penitenziaria e reggente della famiglia mafiosa nissena (oggi collaboratore di giustizia) «un ex poliziotto che chiamavano il “turco” mise l’esplosivo sotto l’autostrada». E – come scrive oggi Repubblica – aggiunge: «Mi ha confidato di aver partecipato alla fase esecutiva delle strage Falcone – ha messo a verbale Riggio davanti ai pm di Caltanissetta – si sarebbe occupato del riempimento del canale di scolo dell’autostrada con l’esplosivo, operazione eseguita tramite l’utilizzo di skateboard».

Alle perplessità dei magistrati sul perché non avesse mai parlato prima di questo ex poliziotto, Riggio ha risposto il 7 giugno 2018 che «fino ad oggi ho avuto paura di mettere a verbale certi argomenti, temevo ritorsioni per me e per la mia famiglia. Ma, adesso, i tempi sono maturi perché si possano trattare certi argomenti».

Da qui la descrizione dell’ex poliziotto, con tanto di nome, nei documenti che al momento sono secretati. I verbali con queste inedite rivelazioni invece sono stati depostati alcuni mesi fa al processo bis per la strage di Capaci.

strage di capaciMa chi era questo ex poliziotto definito il turco”? Riggio sostiene di averlo conosciuto nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. Poi nel 2000, dopo la scarcerazione: l’ex poliziotto avrebbe recluta il mafioso per fare parte di una non ben identificata struttura dei Servizi che si occupa della ricerca di latitanti: «Avrei dovuto dare loro una mano per la cattura di Provenzano, indicando le persone che erano in contatto con lui, insomma diventando una sorta di infiltrato».

A Caltanissetta l’attenzione è altissima. E le nuove dichiarazioni hanno convinto la procura nazionale antimafia a convocare un vertice. L’ipotesi del cosiddetto doppio cantiere per la strage del 23 maggio 1992, era già emersa in passato: dalla presenza di guanti, una torcia e il dna di soggetti estranei a Cosa nostra, fino alle telefonate fantasma in America. Per non parlare del’ipotesi del secondo telecomando: secondo recentissime rivelazioni del pentito Maurizio Avola, un “forestiero” avrebbe aiutato i mafiosi: l’artificiere di John Gotti, il capo della famiglia mafiosa Gambino di New York.

 

LEGGI ANCHE:

I buchi neri della Strage di Capaci: ecco tutti i misteri irrisolti

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin