15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.19
Palermo

la protesta degli amministratori locali

Ex Province, a Palermo la marcia dei sindaci: “Dissesto finanziario? Una catastrofe”

14 Maggio 2019

“Domani 15 maggio vedremo quanti sindaci ed amministratori saranno a Palermo per rivendicare le risorse per evitare il dissesto finanziario delle ex province siciliane”: a parlare così sono i deputati regionali Vincenzo Figuccia e Danilo Lo Giudice con il sindaco metropolitano di Messina, Cateno De Luca, che hanno organizzato per domani, in occasione della Festa per l’Autonomia, una “marcia su Palermo” degli amministratori locali.

“Domani – aggiungono – vedremo anche quale sarà la partecipazione alla manifestazione delle organizzazioni sindacali e dei lavoratori a difesa delle ex province”.

Nei giorni scorsi il Governo regionale ha annunciato un primo provvedimento per salvare le ex province dal dissesto, in accordo col governo nazionale. Ma è appunto solo un primo passo certamente non risolutivo, perchè gli enti intermedi, Citta’ metropolitane o Liberi consorzi, hanno bisogno di interventi strutturali, normativi e finanziari, che siano certezza almeno nel medio periodo”.

“E’ proprio quello che abbiamo proposto – concludono De Luca, Figuccia e Lo Giudice – con l’ordine del giorno presentato all’Ars, sul quale vedremo chi è davvero dalla parte dei territori e chi lo è solo a parole”.

Domani al termine della manifestazione, fanno sapere i promotori, una delegazione degli amministratori locali sarà ricevuta dal presidente del Parlamento Siciliano, Gianfranco Miccichè.

 

LEGGI ANCHE:

De Luca: “Il 15 maggio la marcia dei sindaci a Palermo per le ex province”

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.