Ex Province al voto, Drago: "Modificare la legge elettorale" :ilSicilia.it
Catania

verso le urne

Ex Province al voto, Drago: “Modificare la legge elettorale”

di
1 Settembre 2018

Come annunciato poco tempo fa dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, le ex Province regionali andranno presto al voto per eleggere i loro organi governativi. Le Città metropolitane ed i Liberi consorzi comunali, quindi, dovranno celebrare elezioni di secondo livello così come prevede la legge attualmente in vigore che ad avviso del sindaco di Aci Castello, Filippo Drago, presenta preoccupanti lacune.

La norma odierna – spiega Drago –  non contempla la questione dei comuni commissariati per intero o dove è il solo consiglio comunale ad essere commissariato, in questo modo questi centri sono tagliati fuori dalla consultazione democratica. Il secondo aspetto è relativo alla presentazione delle candidature, perchè se l’articolato prevede il “peso” dei voti, il criterio della ponderazione non è stato previsto in fase di raccolta delle firme”.

Questo significa che allo stato attuale in proiezione i grandi enti comunali possono aggiudicarsi il plenum del Consiglio metropolitano, tagliando fuori le piccole realtà che nelle Province sono invece numerose. In sostanza si mette il Libero consorzio o la Città metropolitana nelle mani di pochi soggetti, basti pensare che poco più di un consigliere comunale di Catania pesa quanto l’intero Consiglio comunale di Aci Castello”.

“In più – continua il primo cittadino – non esiste alcuna preferenza di genere, al contrario delle rimanenti elezioni dove l’elettore è chiamato ad esprimere il voto a due candidati di sesso opposto. Le elezioni delle assemblee degli enti sovra comunali non possono essere oggetto di mero calcolo ad opera dei partiti politici, o di resa dei conti tra gli stessi per il predominio di un territorio”.

Avremmo preferito l’elezione diretta di presidente e consiglio, ma pur rispettando le sentenze della Consulta non possiamo che invocare la giusta attenzione affinchè possa essere garantita la giusta rappresentanza dei territorio. Le ex Province devono immediatamente ripartire per assicurare da subito l’efficienza delle strade e degli edifici scolastici di competenza, ma anche con nuove attribuzioni in materia di coordinamento nella gestione dei rifiuti e vigilanza ambientale, programmazione in ambito turistico ed urbanistico”.

Per questo motivo – conclude Drago –  ho deciso di inviare una lettera al presidente Nello Musumeci, all’assessore regionale al ramo Bernadette Grasso, nonchè a tutti i deputati regionali, all’Anci e nei prossimi giorni anche ai colleghi sindaci siciliani, rappresentando questi temi, con l’auspicio che si possa davvero porre fine al calvario che stanno vivendo Città metropolitane e Liberi consorzi attraverso una immediata modifica della legge e la celebrazione delle necessarie elezioni”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.