17 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.37

l'annuncio a messina

Ex Province, cento milioni per scongiurare il dissesto. Armao: “Ma la Sicilia è discriminata”

17 Giugno 2019

“Cento milioni da parte del governo nazionale oltre a quelli che abbiamo dato noi come Regione andranno subito alle Città metropolitane per scongiurare il dissesto delle ex Province. Cinquanta milioni andranno al trasporto pubblico locale, garantendo le autonomie locali e i servizi pubblici essenziali ai nostri cittadini”. Lo ha detto il vicepresidente della Regione Gaetano Armao oggi pomeriggio all’Università di Messina presentando la riforma della Regione Sicilia su “La semplificazione amministrativa nella nuova ormativa siciliana”.

“Anche alcuni onorevoli – ha proseguito Armaotra cui anche Prestigiacomo hanno fatto bene a presentare un emendamento per le Città metropolitane per chiedere più fondi che però è stato bocciato. Anche noi già avevamo chiesto 284 milioni, ma il governo nazionale ha detto che oltre 140 milioni non poteva erogare”.

“Compito comune ora è quello da domani di fare battaglia insieme per ottener maggiori fondi e ciò sarà possibile ad ottobre con la nuova manovra di bilancio del governo nazionale”.

“Nella manovra nazionale – conclude Armao –  nel contesto dell’accordo tra il presidente Musumeci e il ministro Tria sottoscritto a Dicembre scorso, è prevista l’odiosa discriminazione nei confronti delle Città metropolitane siciliane con delle misure opportune per risolvere il problema”.

 

LEGGI ANCHE:

Armao: “La Regione ha chiesto 284 milioni più altri 100 per le ex Province”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.