Ex Province, cento milioni per scongiurare il dissesto. Armao: "Ma la Sicilia è discriminata" :ilSicilia.it

l'annuncio a messina

Ex Province, cento milioni per scongiurare il dissesto. Armao: “Ma la Sicilia è discriminata”

di
17 Giugno 2019

“Cento milioni da parte del governo nazionale oltre a quelli che abbiamo dato noi come Regione andranno subito alle Città metropolitane per scongiurare il dissesto delle ex Province. Cinquanta milioni andranno al trasporto pubblico locale, garantendo le autonomie locali e i servizi pubblici essenziali ai nostri cittadini”. Lo ha detto il vicepresidente della Regione Gaetano Armao oggi pomeriggio all’Università di Messina presentando la riforma della Regione Sicilia su “La semplificazione amministrativa nella nuova ormativa siciliana”.

“Anche alcuni onorevoli – ha proseguito Armaotra cui anche Prestigiacomo hanno fatto bene a presentare un emendamento per le Città metropolitane per chiedere più fondi che però è stato bocciato. Anche noi già avevamo chiesto 284 milioni, ma il governo nazionale ha detto che oltre 140 milioni non poteva erogare”.

“Compito comune ora è quello da domani di fare battaglia insieme per ottener maggiori fondi e ciò sarà possibile ad ottobre con la nuova manovra di bilancio del governo nazionale”.

“Nella manovra nazionale – conclude Armao –  nel contesto dell’accordo tra il presidente Musumeci e il ministro Tria sottoscritto a Dicembre scorso, è prevista l’odiosa discriminazione nei confronti delle Città metropolitane siciliane con delle misure opportune per risolvere il problema”.

 

LEGGI ANCHE:

Armao: “La Regione ha chiesto 284 milioni più altri 100 per le ex Province”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.