3 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.00

richiedono un incontro

Ex Province, i sindacati scrivono a Musumeci e Armao

29 Maggio 2019

«La drammaticità della condizione in cui versano le cosiddette ex Province richiede una forte presa di posizione per dare attuazione agli impegni assunti e consentire che gli enti intermedi in argomento riescano a realizzare la mission per cui sono stati “riformati”, così da potere dare risposte alla cittadinanza e riconoscere, al contempo, l’importante ruolo dei lavoratori dipendenti».

Inizia così la lettera scritta da Cgil Sicilia, Fp Cgil, Cisl Sicilia, CislFp, Uil Sicilia e Uil Fpl al presidente della Regione Nello Musumeci e all’assessore all’Economia Gaetano Armao. I sindacati chiedono un incontro urgente.

«Considerato il recente accordo Stato-Regioni circa lo stanziamento di risorse finanziarie extra, con possibilità di deroghe normative all’approvazione dei bilanci e dei rendiconti, le scriventi organizzazioni sindacali confederali – scrivono Pagliaro, Agliozzo, Cappuccio, Montera, Barone e Tango – chiedono un incontro al fine di conoscere i contenuti del predetto accordo, lo stato del confronto con il governo nazionale e gli interventi che il governo regionale intende attuare onde consentire finalmente il concreto rilancio delle ex Province». 

 

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Decidere in quale corteo sfilare

Il 19 Luglio ci rammenterà che cosa significa essere servitore dello Stato anche quando questo sembra dimenticarsi di te. Grande ammirazione per un comandante che fa il suo dovere e va avanti per il suo credo nella sua rotta.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.