21 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.24

Si potrebbe aprire uno scontro istituzionale

Ex Province, la Regione manda gli ispettori. Ma il commissario di Trapani si oppone

29 Gennaio 2019

La Regione siciliana ha deciso di inviare gli ispettori nelle nove ex Province siciliane per verificare “che le assegnazioni disposte in loro favore siano state utilizzate nel pieno rispetto delle finalità proprie delle stesse, per garantire i servizi essenziali della popolazione“.

A disporre l’invio degli ispettori, a seguito di una delibera della giunta regionale, è stata la dirigente generale del dipartimento Autonomie locali, Margherita Rizza. A Palermo andrà Angelo Sajeva, Girolamo Ganci a Catania, Giuseppe Petralia a Messina, Vincenzo Raitano ad Agrigento, Enzo Abbinanti a Caltanissetta, Domenico Mastrolembo Ventura a Enna, Antonio Garofalo a Ragusa, Carmelo Messina a Siracusa e Francesco Riela a Trapani.

Il commissario straordinario del Libero consorzio di Trapani, Raimondo Cerami, ha già scritto al presidente della Regione siciliana Nello Musumeci per chiedere l’annullamento in autotutela dell’accertamento ispettivo perché “adottato in violazione di legge e viziato da eccesso di potere“. Secondo Cerami il decreto della dirigente generale travalica il confine delle competenze previste dalla norma in materia di ispezioni.

L’iniziativa di Cerami non è isolata: anche gli altri commissari non hanno gradito l’invio degli ispettori considerato che molti enti non sono stati in grado di approvare il bilancio di previsione 2018-2020 proprio per il trasferimento dei finanziamenti da parte della Regione

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.