Ex Province, Minardo: "Che il rinvio delle elezioni sia l'ultimo" :ilSicilia.it
Banner Bibo

LE PAROLE DEL SEGRETARIO REGIONALE

Ex Province, Minardo: “Che il rinvio delle elezioni sia l’ultimo”

di
12 Febbraio 2021

In seguito all’ennesimo rinvio delle elezioni di secondo livello per le ex Province in Sicilia votato dall’Ars, il segretario regionale della Lega, Nino Minardo, ha sottolineato quanto questo gesto ponga “un problema di credibilità a tutta la politica regionale“.

Al di là dell’ultimo anno vissuto in pandemia e dei tanti imprevisti che ci hanno portato a questo punto – aggiunge – faccio sommessamente notare che dalla fanfaronata di Crocetta colpevolmente approvata dal Parlamento siciliano nel marzo 2014 sono passati quasi 7 anni, circa 2.500 giorni con i Liberi consorzi in perenne commissariamento, senza alcuna guida politica, in crisi finanziaria e con migliaia di dipendenti che potrebbero essere messi in condizioni di lavoro più produttive e gratificanti“.

È impensabile – aggiunge – che la maggioranza in questa legislatura non riesca a sanare la frattura politica, istituzionale e di autorevolezza causata dalla precedente maggioranza nella scorsa legislatura. In accordo con i deputati regionali della Lega facciamo appello a tutti i deputati del centrodestra e al Parlamento regionale affinché si pongano le basi per poter avviare immediatamente una discussione nuova nel merito e nel metodo con tutti portando avanti sin da subito il principio che quello votato mercoledì scorso debba essere l’ultimo rinvio per le elezioni di secondo livello dei Liberi consorzi in Sicilia“.

Nel frattempo – conclude Minardo – mi farò promotore di un percorso a Roma con la Lega per riproporre una volta per tutte la ricostituzione delle Province in Italia. La riforma delle province è stata un fallimento ovunque e un fallimento ancora peggiore in Sicilia“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin