Ex province, Musumeci proroga commissari sino al 31 maggio 2020 :ilSicilia.it

i commissari straordinari restano al proprio posto

Province, Musumeci proroga i commissari sino al 31 maggio 2020

di
2 Agosto 2019

Nuova proroga per i commissari delle ex province siciliane. Il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, ha prorogato loro mandato sino al 31 maggio 2020.

Restano al proprio posto pertanto Girolamo Di Pisa (Agrigento), Rosalba Panvini (Caltanissetta), Ferdinando Guarino (Enna), Salvatore Piazza (Ragusa), Carmela Floreno (Siracusa) e Raimondo Cerami (Trapani), nonché Salvatore Currao (Consiglio metropolitano di Palermo), Francesca Paola Gargano (Consiglio metropolitano di Catania) e Filippo Ribaudo (Consiglio metropolitano Messina).

Le ex Province sono rette da commissari straordinari da più di 6 anni e Ragusa e Agrigento da 7 anni e mezzo, a conferma di una riforma degli enti di area vasta che non è mai decollata. A volere i commissari era stato l’allora presidente della Regione Rosario Crocetta, quando – dopo avere dichiarato la cancellazione delle province – aveva dato vita ai cosiddetti “liberi consorzi”, nominando nove commissari, uomini e donne di diretta emanazione del governatore.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin