Ex sportellisti nei Centri per l'impiego. I dipendenti non li vogliono :ilSicilia.it

E' guerra tra i lavoratori

Ex sportellisti ricollocati nei Centri per l’impiego per potenziare l’organico. I dipendenti non li vogliono

di
16 Ottobre 2018

Mentre il governo regionale e quello nazionale stanno tentando di trovare la formula migliore per, da un lato, ricollocare gli ex sportellisti, e, dall’altro, potenziare l’organico dei Centri per l’impiego, in vista dell’erogazione del reddito di cittadinanza, è scoppiata una vera e propria guerra tra i lavoratori. I dipendenti dei Centri vedono questa operazione come una minaccia alle richieste che da tempo avanzano all’amministrazione regionale sull’adeguamento della loro posizione contrattuale. Molti, infatti, pur essendo inquadrati nelle categorie più basse, A e B, svolgono mansioni di categoria superiore, C e D, senza per questo percepire stipendi e indennità adeguati. Hanno, quindi, il timore che l’arrivo degli ex sportellisti possa vanificare anni di battaglie.

Inoltre i loro sindacati più rappresentativi Cobas-Codir, Sadirs e Siad hanno più volte fatto muro contro questa ipotesi, ritenendo “congrua e qualificata la dotazione organica del personale di tutti i Centri per l’impiego della Sicilia”. Una posizione dura che ha spinto gli ex sportellisti a rispondere con una lettera aperta nella quale spiegano che la loro vertenza “non sfiora in alcun modo la vostra battaglia per il rinnovo del contratto di lavoro e la legittima richiesta di progressione di carriera. È indubbio – scrivono gli ex sportellisti – che non avete nulla da temere da una ipotetica assunzione attraverso selezione degli esperti in politiche attive del lavoro ex sportelli multifunzionali, che peraltro assolverebbe anche ad una legge regionale”.

Per gli ex sportellisti non esiste nessun problema neanche dal punto di vista economico, visto che la ricollocazione dovrebbe essere finanziata con risorse statali e non intaccherebbe quelle regionali dedicate ai 1.737 dipendenti dei Centri dell’Isola. “È un progetto di riforma nazionale – spiegano – che vedrà nuove assunzioni e il coinvolgimento di tutti in una seria riqualificazione delle competenze, che faranno parte della annunciata riforma e che saranno finanziate con risorse nazionali. In Sicilia il rapporto tra disoccupati e addetti è già di 3000 unità, figuriamoci appena andrà a regime il reddito di cittadinanza”.

Nei prossimi giorni, secondo quanto comunicato ieri dai sindacati autonomi, il governo nazionale incontrerà i vertici del dipartimento regionale del lavoro per valutare l’impatto che le norme sul reddito di cittadinanza possono avere. Un incontro al quale hanno chiesto di partecipare per capire quali saranno i prossimi passaggi e ribadire le proprie aspettative.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.