Ex villaggio Le Rocce a TaoArte? Il commissario Campo: "Non mi risulta" :ilSicilia.it
Messina

il commissario svela le strategie della Fondazione

Ex villaggio Le Rocce a TaoArte? Il commissario Campo: “Non mi risulta”

di
11 Luglio 2020

“Al momento non ci risulta che il bene sia stato posto in vendita. E’ un bene che però ha una indubbia valenza ed importanti potenzialità, e se dovesse essere dismesso dall’ex Provincia regionale faremo le opportune riflessioni”.

Così il commissario straordinario della Fondazione Taormina Arte, Bernardo Campo, commenta le voci di un possibile ingresso sulla scena di TaoArte sull’ex villaggio Le Rocce, la splendida oasi taorminese ormai sprofondata nel degrado e in pieno stato di abbandono

Campo non si sbilancia ma si mostra attento a valutare la possibile evoluzione dello scenario per questo bene di cui la Città Metropolitana di Messina vanta la titolarità ma che Palazzo dei Leoni non è interessato a continuare a tenere al proprio patrimonio. Le Rocce sono “virtualmente” in vendita, il sindaco metropolitano Cateno De Luca ha già detto a più riprese che il bene è disponibile alla dismissione ma ad oggi non ci sono atti formali in tal senso che abbiano avviato la vendita.

“Le Rocce è un bene che ci sarebbe piaciuto poter avere nel patrimonio se la Città Metropolitana fosse rimasta in Taormina Arte e nel caso in cui poi questo villaggio fosse stato conferito al nostro ente – spiega Campo – ma così non è stato. E’ un peccato anche perché nell’ambito delle attività della Fondazione avremmo potuto rivalutarlo e restituire un senso a questa bellissima area naturalistica nel contesto delle attività connesse a TaoArte. Mi viene in mente, ad esempio questo luogo come una vetrina per gli ospiti dei nostri eventi e della città, per gli attori del festival e comunque consentendo l’accesso al pubblico. E’ un bene che si potrebbe mettere a reddito, non in termini di lucro ma di valorizzazione per la collettività”.

Le Rocce di Taormina
l’ex villaggio Le Rocce a Taormina

“Ad ogni modo al momento non c’è un iter di vendita e rispettiamo la proprietà del bene. Se poi dovesse essere dismesso, valuteremo cosa si può fare, tenendo conto che ciò avverrebbe in qualsiasi caso per il tramite della Regione”, evidenzia Campo.

Intanto proprio il commissario di TaoArte stringe i tempi sul fronte del riassetto della Fondazione dopo l’avvenuta fuoriuscita dei due enti messinesi, Comune ed ex Provincia, da lui decretata con apposita determina: “Stiamo provvedendo alle relative modifiche dello Statuto. Procederò, in tal senso, entro fine mese e trasmetterò ai revisori dei conti per il parere”.

Campo sta ratificando, quindi, la nuova composizione della Fondazione, con la Regione Siciliana e il Comune di Taormina, senza più la presenza dei due enti messinesi. Il commissario si starebbe anche muovendo alla ricerca di altri soci promotori per la Fondazione, ulteriori partner in grado quindi di contribuire alla crescita di questa realtà.

Altre novità, infine, potrebbero arrivare nei prossimi giorni sul fronte TaoArte, con il Governo Musumeci a quanto pare intenzionato a promuovere il cartellone estivo della Fondazione, e le sue 30 serate di musica, danza e teatro, nell’ambito della promozione della Regione Siciliana e ritenendo che il tutto abbia una valenza non soltanto locale ma che possa riempire di contenuti la proposta complessiva, artistica e culturale, per l’intero territorio regionale in questa stagione.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.