Experimenta Musicae, la rassegna di concerti per finanziare un restauro d'arte | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Il Trionfo di Davide di Pietro Novelli è stato ritrovato nella Chiesa di San Giovanni dell'Origlione

Experimenta Musicae, la rassegna di concerti per finanziare un restauro d’arte

di
24 Novembre 2016

Due concerti, uno organizzato per venerdì 25 e uno per sabato 26 dicembre, serviranno alla raccolta fondi per il restauro dell’affresco Il Trionfo di Davide di Pietro Novelli, ritrovato nella Chiesa di San Giovanni dell’Origlione del quartiere Albergheria. E’ la rassegna Experimentae Musicae.

Il primo dei due concerti è alla chiesa di San Saverio ed è un coro, l’Aeolian vocal ensamble, un coro giovanile femminile composto da poco più di 30 elementi tra i 13 e i 21 anni, che diretto da Monica Faja eseguirà un repertorio moderno originale. L’indomani è invece la volta del fisarmonicista e compositore teatrale Pierpaolo Petta che tra musica etnica, brani di Astor Piazzolla e Richar Galliano inserirà anche sue musiche originali in una performance che segna la riapertura del cinema Edison, all’Albergheria, luogo dello spettacolo.

La raccolta fondi è curata da Ars Nova in collaborazione con Italia Nostra e con l’Associazione Cassaro Alto, l‘intervento di restauro prevede il recupero e la messa in sicurezza della superficie dipinta ad affresco con la rimozione dello strato di intonaco che ne occulta circa il 95%.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.