FABI, 125mo consiglio nazionale, Raffa: "Vogliamo sapere da UniCredit le reali ricadute sulla Sicilia" :ilSicilia.it

l'intervento del Coordinatore regionale

FABI, 125mo consiglio nazionale, Raffa: “Vogliamo sapere da UniCredit le reali ricadute sulla Sicilia”

di
5 Dicembre 2019

Da Milano al cospetto di una platea qualificata dei delegati del sindacato FABI  al 125mo consiglio nazionale, fa rumore l’intervento del Coordinatore regionale della Fabi Sicilia, Carmelo Raffa.

E’ stato il primo intervento dei delegati, e Raffa non si è smentito, accolto da uno scrosciante applauso si è presentato con un random di argomenti

Per Raffa “la Fabi è la casa dei Bancari, fino a tal punto che lo sguardo è rivolto anche al comparto delle Poste, dove la Fabi potrebbe dare il suo prezioso contributo in un ottica futura di nuova confederalità, essendo i lavoratori postali stessi oramai equiparati per mansioni e ruoli ai bancari. Il contratto nazionale ci vede impegnati in prima linea – ha spiegato – anche sui social, dove il sindacato è all’avanguardia”.

Raffa  ha puntato  a testa bassa su UniCredit,  reclamando dati certi sui tagli paventati al Sud,con particolare riferimento alla Sicilia, minacciando anche una marcia dei sindacalisti Fabiani su Parigi contro Mustier, per la serie non passa lo straniero.

Su Intesa San Paolo, Raffa ha bacchettato l’azienda capitanata da Messina per le imminenti negative novità riguardanti i pensionati costretti ad incassare la loro pensione presso i punti SISAL alla pari di un gratta e vinci.

L’intervento si è concluso con una meritata standing ovation, testimonianza di un grande e lungimirante carriera sindacale di un sindacalista “old style” di vecchia maniera, ma nel contempo moderno e innovativo sempre al passo con i tempi moderni.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.