Falcone e Samonà in visita al sito archeologico di Vallelunga Pratameno | FOTO :ilSicilia.it
Caltanissetta

LE PAROLE DEI DUE ASSESSORI

Falcone e Samonà in visita al sito archeologico di Vallelunga Pratameno | FOTO

di
14 Aprile 2021

GUARDA LA GALLERIA IN ALTO

Si è svolto questa mattina a Vallelunga Pratameno, in provincia di Caltanissetta, nell’area interessata dal raddoppio della linea ferrata Palermo-Catania, un sopralluogo congiunto tra l’assessore delle Infrastrutture e dei Trasporti, Marco Falcone e l’assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà, per coordinare gli interventi da effettuare a seguito della scoperta di un importante insediamento romano nel corso dell’attività di sorveglianza preventiva svolta dalla Soprintendenza dei Beni Culturali di Caltanissetta.

Al sopralluogo erano presenti, fra gli altri, l’ing. Salvatore Leocata, responsabile tecnico di RFI, la Soprintendente dei Beni Culturali di Caltanissetta, Daniela Vullo, il commissario del comune di Vallelunga, Cettina Nicosia e i rappresentanti dell’impresa Sistemi e Progetti di Roma, che sta realizzando i lavori.

La visita al cantiere è stata accompagnata dall’archeologa Marina Congiu che ha descritto le attività sin qui svolte che hanno fatto emergere un’importante villa rurale romana del I secolo d.C., parte di un insediamento che dovrebbe estendersi su un’area di sei ettari e che costituisce ad oggi un elemento di grande pregnanza culturale e di indubbia attrattiva per il territorio.

La visita di questa mattina – dicono gli assessori Falcone e Samonà – è stata molto importante perché ha permesso di verificare congiuntamente il contesto emerso e di porre le basi per un’azione congiunta che contemperi l’esigenza di valorizzare l’area archeologica con la realizzazione dei lavori per il raddoppio della linea ferrata che costituisce un’importantissima infrastruttura che permetterà di potenziare il sistema dei trasporti su rotaia, con inevitabile incidenza sullo sviluppo alle aree interne dell’Isola“.

Questa mattina abbiamo raccolto l’impegno di RFI – sottolinea l’assessore dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – di contribuire con proprie opere alla valorizzazione dell’intera area dove si stanno compiendo le indagini di scavo e su cui sembrano esserci significative evidenze archeologiche, in una prospettiva di futura fruizione. Il complesso di grande pregio potrebbe diventare, infatti, una delle principali attrattive della zona da raggiungere anche attraverso un percorso cicloturistico di collegamento tra la stazione di Vallelunga e il sito archeologico, sulla cui realizzazione RFI sembra aver dato la propria disponibilità”.

Per l’assessore delle Infrastrutture e dei Trasporti, Marco Falcone “è importantissimo il sopralluogo di oggi per un’azione sinergica che contemperi l’esigenza di valorizzazione del sito archeologico con quella di realizzazione di lavori che risultano strategici per la nostra Isola. È evidente l’importanza del raddoppio della ferrovia Palermo-Catania che consentirà il collegamento veloce tra le due città, soprattutto attraversando aree interne che da questa importante arteria potranno trarre grandi benefici e possibilità di sviluppo“.

Dopo l’indagine magnetometrica – precisa Daniela Vullo, Soprintendente dei Beni culturali di Caltanissetta – faremo ora dei saggi archeologici superficiali per verificare l’esistenza delle strutture interrate che le ricerche fino ad oggi effettuate sembrano avere individuato. Le strutture murarie emerse dal mese di luglio scorso ad oggi, infatti sembrano confermare il ritrovamento di una villa rustica che, per dimensioni e tipologia, nel settore settentrionale della provincia di Caltanissetta, non sembra al momento, avere confronti“.

Presenti anche il parlamentare regionale Michele Mancuso, il responsabile archeologo della Italfer Ettore Manfredi e i responsabili di saggio Eliana Lo Curto e Francesca Pulvirenti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco