Falcone, la provocazione all'Anas: "Se entro luglio riapre il Viadotto Himera mi dimetto" :ilSicilia.it
Palermo

la provocazione dell'assessore

Falcone, la provocazione all’Anas: “Se entro luglio riapre il Viadotto Himera mi dimetto”

di
29 Maggio 2020

“Se percorrete l’autostrada Catania-Palermo ancora oggi vi renderete conto che ci sono una ventina deviazioni e 42 parzializzazioni. Poi c’è anche il ponte Himera, se venisse realizzato e aperto al traffico entro il prossimo 31 luglio come previsto, mi dimetterò da assessore Regionale, prendo questo impegno con l’Anas. Facciamo una scommessa così alla fine riusciremo a trovare forse una soluzione”.

A dirlo l’assessore regionale ai trasporti e alla infrastrutture Marco Falcone, in Prefettura a Messina, che prosegue la polemica con l’Anas. Ieri infatti il presidente Musumeci ha annunciato di voler fare causa all’Anas, visti i ritardi nei cantieri in Sicilia.

“Affermare come l’Anas di aver impegnato un miliardo di euro, – prosegue Falcone – quando di questo miliardo non è stato speso nulla è abbastanza banale. Perché da un lato hanno bandito queste gare che iniziano i lavori dopo anni, dall’altro chi si è aggiudicata le gare non ha potuto spendere un euro perché non ha avuto la contrattualizzazione. Abbiamo poi la Akragas uno e l’Akragas due che sono il ponte Morandi di Agrigento e ancora sono bloccate al palo dopo sei anni e chiuse al traffico.

Abbiamo inoltre ad esempio la Libertinia un altro lavoro da 120 mln di euro aggiudicato da un anno e i lavori ancora non iniziano. Poi c’è la Bronte Adrano i lavori vennero mandati in gara dopo 5 mesi dall’approvazione del progetto e dal 7 Agosto 2019 ad oggi ancora questa gara non è stata aggiudicata, ma potrei continuare con tanti altri esempi. Ci sono opere che l’Anas ha in pancia da oltre 20 anni, finanziamenti che vengono sempre ripetuti negli anni ma non viene speso un euro in Sicilia”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Dichiarazione di guerra di Musumeci all’Anas: “Faccio causa e chiedo i danni” | VIDEO INTERVISTE

La replica dell’Anas a Musumeci: “L’attacco non risponde a fatti reali”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin