Falcone, Orlando si presenta davanti all'Aula bunker ma diserta la cerimonia: "Sarò in piazza" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Il sindaco di Palermo: "Sarò con i cittadini"

Falcone, Orlando si presenta davanti all’Aula bunker ma diserta la cerimonia: “Sarò in piazza”

di
23 Maggio 2019

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha deciso di disertare la cerimonia di commemorazione per le vittime della strage di Capaci all’aula Bunker dell’Ucciardone. Lo ha fatto in modo plateale, accogliendo all’ingresso del bunker il presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, dopo che stamattina aveva accolto al porto gli studenti provenienti da tutta Italia per le manifestazioni in ricordo di Giovanni Falcone e delle vittime della strage.

“Mi ero augurato che qualsiasi presenza istituzionale oggi a Palermo e all’Aula Bunker non si trasformasse in occasione per comizi pre-elettorali – ha detto -. Ho appreso che purtroppo non sarà così col previsto intervento di chi solo tre giorni fa ha attaccato i magistrati siciliani. Il dovere di rispettare la memoria di quell’Aula, del Pool antimafia che vi realizzò il primo maxi processo, del Comune di Palermo che a quel processo per la prima volta si costituì Parte Civile; soprattutto il dovere del rispetto della memoria di chi si è battuto a costo della vita contro ogni violenza e violazione dei diritti e del diritto, quel dovere mi impone di non essere presente all’Aula Bunker purtroppo trasformata in piazza per comizi”.

“Sarò oggi nelle piazze della città – ha detto Orlando – con i cittadini di Palermo e con gli studenti di tutta Italia, sarò lì dove si renderà doveroso omaggio istituzionale e umano alla memoria delle vittime”.

Orlando è poi andato via prima dell’arrivo del ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Maria Falcone: “Polemiche inutili”

“Le polemiche sono inutili” “mi auguro che non siano in questa sala” “le istituzioni vanno sempre rispettate”. Cosi’ Maria Falcone ricordando il fratello Giovanni nell’aula bunker di Palermo, facendo riferimento alle polemiche di questi giorni proprio sulla giornata di oggi, nella quale si commemora la strage del 23 maggio 1992.

LEGGI ANCHE:

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin