Falcone preme per il raddoppio Messina - Catania e convoca il sindaco di Giardini :ilSicilia.it
Messina

L'incontro lunedì

Falcone preme per il raddoppio Messina – Catania e convoca il sindaco di Giardini

di
15 Dicembre 2018

La Regione Siciliana vuole scongiurare lo stop al progetto del raddoppio ferroviario Messina-Catania. La necessità ravvisata a Palermo è quella di arginare i malumori del Comune di Giardini, che ha avviato la procedura finalizzata a presentare un ricorso al Tar del Lazio per bloccare l’ordinanza di approvazione definitiva dell’opera ai fini della conferenza dei servizi (poi avviata il 29 novembre scorso a Roma). In quest’ottica, dopo aver appreso dell’incarico conferito ad un legale dal sindaco di Giardini, Nello Lo Turco, l’assessore alle Infrastrutture, Marco Falcone, ha contattato il primo cittadino della seconda stazione turistica siciliana chiedendo un incontro in tempi stretti per chiarire la vicenda. Falcone e Lo Turco si vedranno quindi lunedì a Messina, a Palazzo dei Leoni, nella sede della Città Metropolitana, dove è già in agenda anche una riunione sui problemi della A18.

Il Governo regionale vuole, in sostanza, evitare che si accenda una disputa che potrebbe bloccare la maxi-opera finalizzata a ridare slancio alla rete ferroviaria siciliana e ad ammodernare una tratta che praticamente è rimasta la stessa su binario unico da oltre un secolo a questa parte. L’assessore Falcone vuole capire se ci sono i margini per trovare un punto di incontro tra il Comune di Giardini e Rfi. Le parti, tra l’altro, si erano incontrate nei giorni scorsi per discutere le criticità poste sul tavolo dall’Amministrazione naxiota ma il faccia a faccia non è servito, evidentemente, ad evitare che vada avanti l’azione legale ora avviata dal Comune di Giardini.

Il ricorso al Tar potrebbe portare ad uno stop dell’iter per il raddoppio ferroviario e la Regione non vuole che si arrivi a questa eventualità. Giardini, a sua volta, contesta che la conferenza dei servizi abbia visto sin qui la propria città soltanto nel ruolo di comune “uditore” ed ha chiesto l’ammissione alle procedure decisionali sull’opera, e contesta anche la previsione della nuova stazione a Taormina con il solo nome della Città di Taormina (stazione Taormina-Madonnina), ritenendo che il problema non possa essere superato dal fatto che l’altra stazione, a Trappitello (in zona Fiascara, in territorio taorminese), si dovrebbe chiamare “Alcantara-Giardini Naxos”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.