Falcone preme per il raddoppio Messina - Catania e convoca il sindaco di Giardini :ilSicilia.it
Messina

L'incontro lunedì

Falcone preme per il raddoppio Messina – Catania e convoca il sindaco di Giardini

di
15 Dicembre 2018

La Regione Siciliana vuole scongiurare lo stop al progetto del raddoppio ferroviario Messina-Catania. La necessità ravvisata a Palermo è quella di arginare i malumori del Comune di Giardini, che ha avviato la procedura finalizzata a presentare un ricorso al Tar del Lazio per bloccare l’ordinanza di approvazione definitiva dell’opera ai fini della conferenza dei servizi (poi avviata il 29 novembre scorso a Roma). In quest’ottica, dopo aver appreso dell’incarico conferito ad un legale dal sindaco di Giardini, Nello Lo Turco, l’assessore alle Infrastrutture, Marco Falcone, ha contattato il primo cittadino della seconda stazione turistica siciliana chiedendo un incontro in tempi stretti per chiarire la vicenda. Falcone e Lo Turco si vedranno quindi lunedì a Messina, a Palazzo dei Leoni, nella sede della Città Metropolitana, dove è già in agenda anche una riunione sui problemi della A18.

Il Governo regionale vuole, in sostanza, evitare che si accenda una disputa che potrebbe bloccare la maxi-opera finalizzata a ridare slancio alla rete ferroviaria siciliana e ad ammodernare una tratta che praticamente è rimasta la stessa su binario unico da oltre un secolo a questa parte. L’assessore Falcone vuole capire se ci sono i margini per trovare un punto di incontro tra il Comune di Giardini e Rfi. Le parti, tra l’altro, si erano incontrate nei giorni scorsi per discutere le criticità poste sul tavolo dall’Amministrazione naxiota ma il faccia a faccia non è servito, evidentemente, ad evitare che vada avanti l’azione legale ora avviata dal Comune di Giardini.

Il ricorso al Tar potrebbe portare ad uno stop dell’iter per il raddoppio ferroviario e la Regione non vuole che si arrivi a questa eventualità. Giardini, a sua volta, contesta che la conferenza dei servizi abbia visto sin qui la propria città soltanto nel ruolo di comune “uditore” ed ha chiesto l’ammissione alle procedure decisionali sull’opera, e contesta anche la previsione della nuova stazione a Taormina con il solo nome della Città di Taormina (stazione Taormina-Madonnina), ritenendo che il problema non possa essere superato dal fatto che l’altra stazione, a Trappitello (in zona Fiascara, in territorio taorminese), si dovrebbe chiamare “Alcantara-Giardini Naxos”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin