Falsa base militare nell'Agrigentino, ingannati 160 disoccupati e truffati diversi investitori :ilSicilia.it
Agrigento

tre indagati

Falsa base militare nell’Agrigentino, ingannati 160 disoccupati e truffati diversi investitori

di
26 Novembre 2021

Sono state concentrate fra Canicattì, Racalmuto, Palma di Montechiaro e San Cataldo, ma anche a Caltanissetta e Palermo, le truffe realizzate da tre indagati che, millantando il patrocinio con i vertici dello Stato su una imminente realizzazione di una grande base militare in località Punta Bianca di Agrigento, hanno promesso degli inesistenti posti di lavoro al ministero della Difesa in cambio di denaro.

L’inchiesta Multilevel – coordinata dal procuratore capo Luigi Patronaggio – ha permesso d’accertare che i raggirati per la maggior parte erano disoccupati e che i tre indagati, con base a Canicattì, convincevano le vittime a pagare somme, a partire da 2.500 euro, per ‘saltare’ l’esame di assunzione nella base militare. È stata ritenuta significativa la storia di un’imprenditrice di Racalmuto (Ag), imbrogliata con la proposta di aprire un bar nella inesistente base militare: la donna, convinta di dover far fronte alle esigenze delle centinaia di soldati che avrebbero popolato Punta Bianca, ha pagato 5.000 euro per partecipare al progetto, ha costituito una nuova società, ha fatto ricorso al credito per ingrandire il proprio laboratorio ed infine, schiacciata tra la pandemia ed i debiti contratti, ha cessato ogni attività.

I carabinieri di Canicattì, durante la perquisizione effettuata il 7 settembre dello scorso anno, hanno sequestrato le mappe della base mostrate alle vittime durante il reclutamento e i contratti, sottoscritti con la contestuale consegna dei tesserini recanti effigi false e la dicitura comando generale d’oneri, ma anche il libro mastro dei truffati con le quote corrisposte da ognuno di loro.

I tre indagati per associazione a delinquere finalizzata alla truffa su inesistenti assunzioni ina una falsa base militare da realizzare nell’Agrigentino sarebbero riusciti ad intascare, complessivamente, dalla vittime circa 500mila euro.

E’ la stima dei carabinieri che hanno indagato sul caso, coordinati dal procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio e dal sostituto Giulia Sbocchia. Secondo la ricostruzione dell’accusa, per risultare convincenti i tre hanno indicato alle vittime il nome di un alto ufficiale militare di origini agrigentine, totalmente all’oscuro di tutto ed estraneo alla vicenda, come futuro comandante della fantomatica base di Punta Bianca.

L’inchiesta, denominata Multilevel, è stata avviata nel febbraio 2020 dopo le denunce di alcune delle vittime. Militari dell’Arma, anche con l’ascolto di l’intercettazioni degli indagati, hanno documentato come i tre “abbiano operato con un assetto organizzativo e logistico: avevano – secondo l’accusa – progetti edilizi, contratti, documenti e timbri falsi”.

I carabinieri hanno accertato anche che, nonostante si fosse diffusa la notizia sull’inchiesta, molti truffati abbiano voluto, ed ancora vogliono, continuare a credere al miraggio del posto di lavoro a tempo indeterminato nella inesistente costruenda base militare di Punta Bianca.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin