Quattro studenti risolvono il problema delle false notizie su Facebook :ilSicilia.it

L'idea nata in seguito alla stupore per la vittoria di Trump

Quattro studenti risolvono il problema delle false notizie su Facebook

di
2 Dicembre 2016

Quattro studenti universitari americani hanno creato, in sole 36 ore, un programma che mette in evidenza le notizie false su Facebook come risposta alla pretesa che falsi siti di informazione possano aver condizionato le elezioni presidenziali degli Stati Uniti a favore di Donald Trump, il tutto con il motto “Smettiamola di vivere una menzogna.”
“Siamo stati tutti abbastanza stupiti dal risultato elettorale. C’è stato un grande dibattito sulle notizie false. Facebook ha detto che il problema era troppo grande da affrontare ma abbiamo voluto vedere se lo potevamo risolvere”. Questo quanto detto da Anant Goel, uno dei membri del team,
Prima della Hackathon Princeton, una competizione di programmazione, i quattro studenti non si conoscevano l’un l’altro. Il programma funziona in maniera semplice: ci sono due diversi controlli per decidere se una notizia è falsa o meno. Prima di tutto viene esaminata la fonte tramite dei database, che producono un punteggio circa la sua affidabilità. Solo in seguito viene controllato il contenuto dell’articolo, da cui l’algoritmo estrae le parole chiave per trovare notizie correlate su altri siti di informazioni, attribuendo un secondo punteggio.
Sulla base dei due risultati il programma attribuisce quindi un punteggio totale, definendo la news finta o meno. All’inizio della settimana, Buzzfeed News ha riferito che Facebook aveva realizzato una task force composta da “decine” di persone per affrontare tale problema in quanto è stato rivelato che, durante il periodo delle elezioni, i click e le condivisioni dedicate alle notizie false erano superiori rispetto a quelli dedicati alle vere informazioni.
Ma Anant capisce anche il motivo per cui Facebook potrebbe non essere stato in grado di affrontare il problema da solo, temendo di dover censurare i suoi utenti e affidando tale problematica, probabilmente, ad una società terza.
Il gruppo di studenti ha reso disponibile il codice del software in modalità open-source, in modo che altri sviluppatori possano migliorarlo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin