Falsi incidenti a Palermo: scoperta nuova truffa alle assicurazioni, 16 arresti | I NOMI :ilSicilia.it
Palermo

Nuova indagine su falsi sinistri, 41 misure cautelari

Falsi incidenti a Palermo: scoperta nuova truffa alle assicurazioni, 16 arresti | I NOMI

15 Maggio 2019

Una nuova banda specializzata in truffe alle assicurazioni è stata scoperta a Palermo dai carabinieri che hanno eseguito un’ordinanza nei confronti di 41 persone accusate di associazione per delinquere finalizzata alle frodi assicurative, lesioni gravissime, falso, calunnia, autocalunnia, rapina e intercettazione abusiva.

Gli arrestati sono 16, di cui nove ai domiciliari; ad altri 25 indagati è stata notificata la misura cautelare di presentazione alla Pg.

Le indagini – condotte dal Nucleo Investigativo del Gruppo di Monreale – hanno accertato l’esistenza di un’associazione per delinquere specializzata nelle truffe ai danni delle assicurazioni attraverso la simulazione di sinistri stradali con lesioni personali, nonché di altri delitti contro la persona, il patrimonio, la fede pubblica e l’amministrazione della giustizia.

Il 15 aprile scorso un’altra operazione, condotta dalla polizia e dalla Guardia di Finanza, aveva portato all’arresto di 42 persone che avrebbero fatto parte della cosiddetta banda degli “spaccaossa“, un’organizzazione che procurava gravi lesioni agli arti a persone indigenti inscenando falsi sinistri stradali per intascare cospicui risarcimenti. In quell’inchiesta sono indagate complessivamente 250 persone.

I NOMI

Nell’operazione Over in carcere sono finiti Salvatore Andrea Cintura, 30 anni, Luca Reina, 44 anni, Alessio Cappello, 37 anni, Domenico Cintura 28 anni, Giovanni Napoli, 44 anni, Alessandro Bova, 41 anni, Antonino Buscemi, 27 anni, Sufiane Saghir, 21 anni, Giuseppe Orfeo, 23 anni.

Ai domiciliari: Giovanni Viviano, 37 anni, Claudio Baglione, 27 anni, Giuseppe Cintura, 34 anni, Davide Mazzola, 24 anni, Cristian Neri, 25 anni, Letterio Maranzano, 30 anni, Salvatore Fasullo, 24 anni. Presentazione alla polizia giudiziaria per Giuseppe Monti, 27 anni, Vito Virzì, 48 anni, Manlio Lo Piccolo, 23 anni, Concetta di Carlo, 34 anni, Silvestro Lo Sasso, 40 anni, Francesco Tosco, 29 anni, Salvatore Chiodo, 53 anni, Vincenzo Castellini, 56 anni, Gianmarco Maniscalco, 29 anni, Giuseppe Bondini, 32 anni, Francesco Mutolo 30 anni, Giuseppe Gallo, 43 anni, Giovanni Salvatore Norfo, 29 anni, Giovanni Armanno, 45 anni, Angelo Lo Pinto, 37 anni, Davide Giammona, 45 anni, Giovanni Calì, 21 anni, Francesco Dragotto, 33 anni, Giovanni Zinna, 24 anni, Nunzio Russo, 42 anni, Leonarda Amato, 43 anni, Rita Arceri, 35 anni, Marco Cardella, 32 anni, Domenico Celesia, 26 anni, Davide Mendola, 29 anni.

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, mutilavano arti per incassare i premi: 42 arrestati, fra loro un avvocato

Banda spaccaossa: “Ahi, mi state ammazzando!”, le intercettazioni shock | VIDEO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.