Falsi invalidi nel Messinese: "Cartelle cliniche false per ottenere denaro" :ilSicilia.it
Messina

oltre 42 mila

Falsi invalidi nel Messinese: “Cartelle cliniche false per ottenere denaro”

di
10 Maggio 2019

“Nella sola provincia di Messina vi sono 42 mila falsi invalidi civili, 20 mila per patologie di carattere psichiatrico, e 70 mila prestazioni economiche a carico dello Stato. E solo negli ultimi anni abbiamo notato ben 50 mila cartelle cliniche false”. Lo dice Lucia Maria Catena Amato, giudice del lavoro di Patti.

“Nel caso dei ricorsi presentati al Tribunale per ottenere l’invalidità che ho seguito, respingendone la maggior parte e inviando tutto alla Procura per ulteriori indagini – prosegue Amato è emerso che l’obiettivo di questi professionisti era l’ottenimento per i loro clienti di prestazioni economiche a carico dello Stato attraverso la presentazione di certificati falsi o documentazione parziale”.

“Un caso che ho analizzato è emblematico. Si tratta di una persona che diceva di avere diverse patologie, e cercando di raggiungere un’invalidità massima ha fatto ricorso in tribunale. Tuttavia, il Ctu ha fatto analisi specifiche dalle quali è stato evidente che le patologie di natura cardiaca e ortopedica non erano tali da giustificare nemmeno quanto già accertato come invalidità, ma soprattutto che alle diagnosi non seguivano lastre o esami diagnostici”.

“Gli aspetti più gravi – aggiunge – emergevano dalle visite psichiatriche alle quali l’uomo si era sottoposto in ambulatorio. Tra una visita e l’altra venivano solo rilasciati certificati e ogni volta con un aggravamento della condizione del paziente”.

“Non seguiva una terapia, un ricovero o una cura, c’era solo un’immediata diagnosi di aggravamento. Inoltre era stata citata una cartella clinica che da un controllo è emerso non fosse mai esistita. Auspico ci saranno altre inchieste per eliminare questo sistema marcio del mercato delle false certificazioni”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin