Falsomagro, ovvero 'u bruciuluni al sugo [la ricetta] :ilSicilia.it

Un secondo piatto da urlo

Falsomagro, ovvero ‘u bruciuluni al sugo [la ricetta]

di
19 Novembre 2018

La vostra Patti Holmes vuole aprire la settimana, prendendovi per la gola, con una tra le ricette più gustose e succulenti della nostra tradizione, sua Maestà “u Bruciuluni“, Falsomagro in italiano. In effetti il suo nome italico ha un senso perché, guardandolo, sembrerebbe un figurino, così stretto e lungo com’è, ma tagliandolo ecco la sorpresa: un rotolo ripieno di ogni bontà, ciccioso, altro che magro, e, solo per l’inganno della vista, chiamato “falso”.

Questo secondo piatto, davvero irresistibile, è così buono che una sola fetta non vi soddisferà e vi ritroverete satolli, ma non disgustati, e desiderosi di arrivare alla cena per poterlo nuovamente gustare. Esagerata? Sprofondiamo in questo simbolo del piacere e capirete che non lo sono affatto.

INGREDIENTI

  • 1 kg di fesa di vitello, in un’unica fetta
  • 4 uova sode
  • 100 g di pangrattato
  • 4 fette di mortadella
  • 150 g di salame
  • 150 g di caciocavallo fresco
  • 100 g di caciocavallo grattugiato
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 1 cipolla
  • olio extravergine di oliva
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • salsa di pomodoro
  • sale e pepe q.b

PREPARAZIONE

1. In una terrina sbriciolate la mollica di pane raffermo; aggiungete il trito di prezzemolo, il caciocavallo grattugiato, il caciocavallo e il salame a pezzetti, la cipolla tagliata finemente, sale, pepe e olio per ammorbidire la farcia.

2. Stendete la carne, battetela con il batticarne, salate e pepate.
Adagiate sulla fetta la mortadella, versate nella sua parte centrale il ripieno, con adagiate sopra le uova sode intere, e arrotolate la carne, legandola con dello spago da cucina.

3. Scaldate in padella 5 cucchiai di olio extravergine di oliva e rosolate “u bruciuluni”, rigirandolo spesso per farlo dorare da tutti i lati. Bagnatelo col vino rosso, lasciando che evapori.

4. Preparate una buona salsa, immergetevi il rotolo e fatelo cuocere a fuoco lento. Per capire se è pronto, pungetelo con la forchetta.

5. A cottura ultimata, toglietelo dal sugo, facendolo raffreddare completamente.

6. Tagliatelo a fette e, per farlo insaporire, riponetelo nuovamente nell’intingolo rosso.

Il vostro “Bruciuluni” è scritto, mi auguro letto e, sicuramente, mangiato.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.