Falzea: ''Architetti in prima linea per la ripartenza di Messina" :ilSicilia.it
Messina

L'impegno dell'Ordine

Falzea: ”Architetti in prima linea per la ripartenza di Messina”

di
7 Marzo 2021

Con l’Ordine degli Architetti stiamo lottando affinchè possa ripartire a Messina il motore economico dell’edilizia“. Lo ha dichiarato il presidente dell’Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti, Conservatori della Provincia di Messina, Pino Falzea.

Teniamo molto – spiega Falzea – a proteggere il nostro territorio da ulteriori aggressioni, ma non possiamo permettere che la burocrazia interpreti in maniera errata le norme vigenti, finendo con il bloccare la riqualificazione urbana di una città che si sta lentamente spegnendo. La ZPS investe 3mila ettari di città costruita, li si deve fare in modo che tutto ciò che porta bellezza e architettura si possa realizzare senza nessun intoppo o rallentamento“.

È L’Ordine degli Architetti PPC di Messina che si e’ intestato questa battaglia e ha coinvolto gli altri. Il Piano Paesaggistico, anche qui per una interpretazione errata della norma, limita fortemente le azioni di riqualificazione urbana che si potrebbero attivare con la demolizione di edifici brutti, spesso baraccati, e la ricostruzione di nuove architetture contemporanee e energeticamente efficienti. E’ l’Ordine degli Architetti che ha predisposto e consegnato alla Regione una modifica del Decreto Semplificazioni per superare il blocco alla bellezza e all’efficienza energetica imposto dalla burocrazia. Dal 2012 una grande parte della Città di Messina è bloccata, sbarrata alla riqualificazione, confinata al degrado, le aree Zir E Zis: È l’Ordine degli Architetti che ha predisposto e consegnato alla Regione una modifica di una scriteriata legge che permetterà, se approvata, di rilanciare le attività produttive di questa zona e di riqualificarla e restituirla ai cittadini“.

“È ancora l’Ordine degli Architetti – continua Falzea – che si batte, sin dal 2012, per la riapertura con eliminazione dei cancelli degli spazi dell’ex Fiera di Messina (ricordate Archinotte nel 2013), che si spende per eliminare le barriere che delimitano l’accesso al porto di Messina per i cittadini che potrebbero vantarsi di un lungomare straordinario. È sempre l’Ordine degli Architetti che preme costantemente, insieme ad altri enti e soggetti interessati al cambiamento, affinché si programmi un piano nazionale delle infrastrutture per superare lo stallo del mezzogiorno d’Italia e rilanciare l’economia dell’intero paese. È l’Ordine degli Architetti che ha elaborato e consegnato alla politica la norma vigente sulla certezza dei pagamenti per i servizi di architettura e ingegneria, quella norma che non permette più il lavoro non remunerato. E tanto altro ancora“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin