Falzea: "Architetti protagonisti del presente e del futuro nel nostro territorio" :ilSicilia.it
Messina

intervista al presidente dell'ordine

Falzea: “Architetti protagonisti del presente e del futuro nel nostro territorio”

di
28 Maggio 2021

SCORRI LE FOTO IN ALTO

“In questi anni abbiamo posto al centro della nostra azione l’impegno per la dignità della categoria e per migliorare il territorio, con la trasformazione della Città Metropolitana di Messina. Abbiamo sostenuto l’abitare inteso come volano per la qualità della vita e le opportunità di lavoro, con l’obiettivo di restituire bellezza ai luoghi urbani attraverso l’architettura intesa come bene comune a servizio della collettività, motore per recuperare le periferie e condurle attraverso piccole e grandi operazioni culturali al rango di città di serie “A”. Adesso siamo pronti ad affrontare le tante sfide che ci attendono per il futuro, con la consapevolezza di poter dare, insieme, un apporto sempre più importante ed incisivo alla comunità anche per i prossimi anni”. Lo ha dichiarato Pino Falzea, presidente dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Messina e candidato della lista Architetti X Me” alla rielezione in una tornata di voto nella quale non stanno mancando anche “veleni” e polemiche.

“Le elezioni dell’Ordine degli Architetti – afferma Falzea – possono e devono rappresentare un momento di confronto sulle idee e sui programmi che interessano la nostra categoria ma che poi soprattutto si riflettono sulle prospettive del territorio. In questi giorni non posso non evidenziare il clima che si è invece creato e una cosa che mi ha ferito è che qualcuno abbia voluto inviare continuamente delle email per screditare la mia persona. Il nostro è un ordine professionale di donne e uomini di cultura che dovrebbe affrontare la competizione con lealtà e correttezza. Siamo professionisti, la maggior parte di noi lo è con la P maiuscuola”.

“Ad ogni modo in questa competizione ripartiamo dalla piena consapevolezza delle tante cose importanti che abbiamo fatto in questi anni, a partire dall’apertura della nuova sede, la casa degli architetti aperta a tutti. E poi il sostegno richiesto e ottenuto dal governo siciliano per l’approvazione della nuova legge sull’urbanistica, dopo 40 anni di attesa. Ma c’è da rimarcare poi anche la scrittura approvata dalla Regione dei bandi tipo per i servizi di architettura e ingegneria che ha portato ad un aumento di oltre il 60% degli incarichi della pubblica amministrazione ai professionisti esterni. Abbiamo lavorato per risolvere il problema della zona di protezione speciale che bloccava lo sviluppo dell’edilizia, coinvolgendo attivamente il comparto delle costruzioni. Abbiamo fornito innumerevoli aiuti ai nostri iscritti durante la pandemia e siamo intervenuti presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali per garantire il bonus a chi era in difficoltà. Siamo riusciti anche a garantire la formazione professionale a tutti, realizzando eventi online e webinar vari molto frequentati su tematiche di rilievo. Voglio anche ricordare la maratona di architettura con 18 ore di confronto su molteplici tematiche”.

“Il futuro è adesso e alla base di tutto riteniamo fondamentale che nella ripartenza non venga lasciato indietro nessuno. Vogliamo continuare a lavorare su modifiche e innovazioni di carattere normativo che possano mettere tutti sullo stesso piano per creare opportunità di lavoro e di sviluppo del territorio, promuovere inoltre un concorso di progettazione per la realizzazione di opere di architettura che impattano sul territorio in modo che anche i giovani possano mostrare il loro talento. Riteniamo che sia importante si possa scegliere finalmente anche in Italia il progetto, anziché il progettista”.

Falzea, stimato professionista che attraverso il suo impegno alla guida dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Messina ha dato lustro in questi anni alla categoria e ne ha elevato l’importanza di questa professione nel contesto sociale e territoriale, punta poi sulla “fondamentale sfida della sburocratizzazione delle procedure amministrative dell’edilizia” e sulla “riprogrammazione della dote infrastrutturale del Paese”: “Bisogna puntare sul Mezzogiorno e sulla nostra Sicilia, il che significa creare benefici alle nostre aree e all’Italia intera, in un contesto nel quale la Sicilia può avere un ruolo strategico di primo piano nel bacino del Mediterraneo”.

“Bellezza e qualità hanno necessità, per riuscire a imporsi – spiega il presidente Falzea – di un sistema economico dinamico, e ciò potrà avvenire attraverso un impegno corale verso la dotazione infrastrutturale del meridione d’Italia, che serve non solo al Sud ma al Paese intero, verso l’allentamento dei vincoli imposti dalla burocrazia che deve modernizzarsi, verso la sinergia tra pubblico e privato per il rilancio dell’edilizia orientata verso la riqualificazione e la rigenerazione urbana”.

“La Città Metropolitana di Messina – aggiunge Falzea – è come un meraviglioso e sorprendete puzzle in cui ogni pezzo è insostituibile e diverso e anche per questo serve un Ordine degli Architetti che contribuisca realmente all’identificazione di una straordinaria visione strategica per la Città Metropolitana di Messina del futuro. “Per le opere pubbliche che impattano sul territorio e lo modificano per secoli – conclude Falzea – riteniamo si debba lavorare per creare una complicità tra le istituzioni affinché si inizi a scegliere il Progetto anziché il progettista, e lo si faccia promuovendo il concorso di Progettazione in due fasi, in modo che specialmente i giovani possano trovare il modo di esprimersi per la costruzione delle nuove città”.

“Grande rispetto infine – da parte di tutti coloro che sono impegnati nella lista “Architetti X ME” – per quanti, candidandosi, scelgono di dedicare il loro tempo per l’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Messina, al servizio non solo della categoria ma della collettività: noi abbiamo solo il desiderio di dare un contributo per le cause comuni, perché l’Ordine è anche luogo di elaborazione culturale, ed in Consiglio si siederanno comunque 15 professionisti che dovranno dimenticare, da subito, la competizione elettorale e lavorare in sinergia per una Città Metropolitana che deve ripartire con l’aiuto di tutti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro