Falzea: "Messina rischia di restare fuori dalle misure ecobonus, sismabonus e bonus facciate" :ilSicilia.it
Messina

monito del presidente degli architetti

Falzea: “Messina rischia di restare fuori dalle misure ecobonus, sismabonus e bonus facciate”

di
26 Giugno 2020

Beffa per la Città di Messina dove molti residenti nel capoluogo rischiano di non poter usufruire delle misure ecobonus, sismabonus e bonus facciate.

Sulla questione il presidente dell’Ordine degli architetti Pino Falzea fa un quadro dettagliato della situazione e lancia un grido d’allarme.

“Il Decreto Legge 19 maggio 2020, n. 34 (c.d. “Decreto Rilancio”) negli articoli che prevedono detrazioni fino al 110% sui i lavori da realizzare per sismabonus, ecobonus, bonus facciate e ristrutturazioni, emanato dal Governo per il rilancio economico e sociale del nostro Paese, stremato dalla drammatica emergenza sanitaria da Covid-19, strategico per la ripresa del comparto dell’edilizia, rischia di non potere avere piena attuazione in buona parte della Città di Messina”.

“La città infatti – continua Falzea – perimetrata per oltre il 70% all’interno della Zona di Protezione Speciale (ZPS), circa 3 mila ettari di zone urbanizzate e in gran parte degradate, a causa di una non condivisibile azione dei Dirigenti dell’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente che hanno diffidato il Comune di Messina a non rilasciare provvedimenti di V.Inc.A. (mitigando poi il provvedimento ed inasprendolo successivamente, per cui anche le insignificanti – dal punto di vista dell’impatto sull’ambiente – pertinenze quali tettoie, balconi ed altre piccole strutture non possono essere autorizzate perché costituirebbero nuova edificazione), e dell’adesione a tale azione da parte del Dirigente del Dipartimento competente del Comune di Messina che invece ha una competenza esclusiva sulle stesse valutazioni di incidenza, una molteplicità di attività edilizie sono interdette. Tutto ciò, nonostante la Commissione per le Valutazioni di Incidenza Ambientali, egregiamente presieduta dall’Arch. Anna Carulli (Presidente Nazionale dell’Istituto di BioArchitettura) e che ha segnalato il problema agli ordini professionali anche attraverso un parere legale formulato dall’avv. Fabio Famà n.q. di componente della stessa commissione, continui ad esaminare e esitare i progetti con propria nota del 4/3/2020, e il Ministero dell’Ambiente, in risposta ad una lettera sottoscritta dall’intero comparto edile messinese, abbia chiarito che la procedura EU PILOT 673/2014/ENVI non disponga alcun blocco delle attività edilizie nelle Zone a Protezione Speciale interessate”.

“Inoltre – prosegue Falzea – una vastissima porzione di territorio urbanizzato centrale della città di Messina è da quasi 10 anni congelata, una ex area industriale, oggi in parte svuotata dalle proprie funzioni originali: l’ampia zona ex Zir e Zis. Totalmente edificata, attende dal 2012 la redazione di un piano attuativo, uno di quegli strumenti urbanistici che nella nostra regione sottendono sempre iter interminabili, che tante volte non iniziano mai e pertanto non possono trovare conclusione. Ben 50 ettari di centro urbano, in gran parte degradato, che potrebbe ospitare funzioni direzionali, commerciali, abitative, artigianali, in un nuovo modello di città da rigenerare in maniera sostenibile e con qualità architettonica. Invece niente. Una legge regionale impedisce qualunque processo di sviluppo e riqualificazione, la congela nel degrado e nell’abbandono, non permette investimenti che purtroppo vengono dirottati altrove”.

E qui l’amara considerazione del presidente Falzea l’’impressione è che si voglia deliberatamente minare la struttura economica di Messina e non permettere alla stessa di attrarre investimenti, nuove funzioni e pertanto nuovi abitanti. Non è possibile tollerare che interferenze della burocrazia vadano a colpire le opportunità per la ripresa dopo il Covid-19, opportunità che se ben utilizzate, porterebbero economia, lavoro ma anche qualità, bellezza e riqualificazione ambientale nella nostra città”. “E’ necessaria pertanto – conclude Falzea – una forte iniziativa del Presidente Musumeci e dell’Assessore al Territorio e Ambiente Totò Cordaro, della Deputazione Regionale, del Sindaco e dell’Assessore all’Urbanistica, per rimuovere tempestivamente gli ingiusti e penalizzanti impedimenti posti dalla burocrazia regionale e comunale e/o da leggi non attuate e pertanto da riformare o abrogare. Messina – avverte Falzea – non può restare a guardare mentre il resto del paese cresce. Tutto può e deve essere fatto nel rispetto dell’ambiente, ma niente può essere bloccato per prese di posizioni inutili che con la salvaguardia ambientale non hanno nulla a che vedere”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.